spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Morto di leucemia a soli 35 anni: raccolta fondi in memoria di Massimo Delli

    Per acquistare materiali e strumenti per gli ospedali dove è stato curato durante il periodo della sua malattia

    SIENA – Per ricordare Massimo Delli, deceduto ad appena 35 anni esattamente il 7 settembre scorso, dopo una lunga e dolorosa malattia, la sua famiglia farà celebrare una messa presso la chiesa Santa Maria delle Grazie a Colle di Val d’Elsa mercoledì 7 settembre alle ore 18.

    Nell’occasione la famiglia Delli continuerà la raccolta fondi in sua memoria per acquistare materiali e strumenti per gli ospedali dove è stato curato durante il periodo della sua malattia.

    Con i primi fondi hanno già acquistato materiali per l’ospedale le Scotte di Siena e per l’ospedale CRO di Aviano dove il suo ricordo è vivo in tutti coloro che lo hanno conosciuto.

    Queste le accorate parole della mamma, Giulia: “Andremo avanti, continueremo in questo percorso per aiutare, nel nostro piccolo, a migliorare le condizioni di vita in ospedale in chi si trova ad affrontare prove difficili e dolorose come ha vissuto Massimo, e ringrazieremo sempre chi vorrà essere al nostro fianco”.

    Chi ha avuto modo di conoscere Massimo ricorda la generosità che lo contraddistingueva, il valore che lui dava all’amicizia e alla fratellanza.

    Il coraggio con cui ha affrontato la sua lunga malattia, la sua solarità anche nei momenti più bui.

    A chi si stupiva per il coraggio che dimostrava, diceva: “La forza ti viene perchè non hai altra scelta, se non reagisci tu nessuno può farlo per te”.

    Massimo è stato un gigante, un vero combattente.

    Questo il numero di telefono per avere informazioni, anche per effettuare donazioni “da remoto”: 3480447589.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...