spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Storico “coiffeur”: per i 50 anni di attività consegnato un riconoscimento anche dal sindaco

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – Domenica 3 novembre gran parte delle signore antellesi, ma non solo, si sono ritrovate nella saletta da tè del Circolo Ricreativo Culturale di Antella insieme a Sandro Mariani e ai suoi amici e parenti, per una grande festa a sorpresa per festeggiare i suoi 70 anni.

     

    Conosciuto da tutti come “Sandro”, ha fatto della sua professione di parrucchiere per signora una vera e propria ragione di vita, premiata anche dal sindaco Luciano Bartolini, che in questa occasione gli ha consegnato un diploma per i suoi 50 anni di attività.

     

    Un record di impegno e di professionalità, ma anche di grandi soddisfazioni, che domenica è stato coronato anche da questo riconoscimento ufficiale. Una festa arricchita da una mostra fotografica, che racconta tutti i passaggi salienti della professione di Sandro, ma anche arricchita dai quadri e dalle sue curiose e spettacolari creazioni artistiche.

     

    "Mia moglie Rosalba – ci racconta Sandro – ha organizzato tutto a mia insaputa. Insieme a mia figlia Vanessa e mio figlio Andrew, e con la complicità di gran parte del paese, mi hanno letteralmente impressionato con una festa meravigliosa, e voglio ringraziarli anche attraverso Il Gazzettino del Chianti.

     

    "Non me lo aspettavo per niente – ammette divertito – Sono stati tutti così bravi a tenermi nascosto l’evento! Addirittura ho avuto l’onore di essere premiato dal sindaco Bartolini, dal vicesindaco Alessandro Calvelli e dall’assessore Francesco Casini. Per me una bellissima giornata che di sicuro non scorderò mai!".

     

    Sandro, che ha un salone da parrucchiere per signora in via Romanelli all’Antella da oltre 50 anni, ancora oggi non riesce a crederci dalla felicità.

     

    "Ci sono voluti circa due mesi di preparazione – confessa la moglie Rosalba, con lui dal 1967 – perché tutta la cosa riuscisse al meglio. Volevo assolutamente che lui non sapesse nulla. Tutte le nostre clienti ne erano al corrente, ma anche tutto il paese, tutti mi hanno dato una mano.  Vorrei quindi ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile che si avverasse per noi questo sogno».

     

    Nato a Ponte a Ema, ma oggi residente a Pian di Scò, Sandro ha iniziato a fare il parrucchiere all’età di 17 anni, dopo aver preso il diploma giovanissimo alla scuola per parrucchieri per signora, con sede allora in via Pandolfini, dove suo padre Silvano era maestro da uomo.

     

    Sandro aprì subito un salone per signora, proprio all’Antella. Era il 6 marzo 1960 quando fu aperta l’attività, anche se allora lui era ancora minorenne e aveva un tutore.

     

    "Io ho conosciuto mio marito Sandro – continua a dire Rosalba – qui all’Antella, dove io ero venuta, da Rifredi dove abitavo, a ballare. Ho cominciato a lavorare con lui fin da subito, ci siamo sposati nel 1970, e abbiamo avuto due figli, ma nessuno dei due ha voluto seguire la nostra carriera. Io facevo già la parrucchiera a Firenze e avevo un po’ di esperienza in questo settore".

     

    "Il lavoro – racconta – è molto cambiato da allora. Prima si facevano molte acconciature, lavoro lungo e difficile, perché erano tutte lavorate a mano. Sandro si era specializzato proprio nella realizzazione di acconciature, che faceva anche per le spose. Andavano molto di moda, erano gli anni Sessanta e duravano anche una settimana».

     

    "Questa nostra attività noi l’abbiamo vissuta come in una grande famiglia – concludono Sandro e Rosalba – dove la gente si è sempre sentita a casa e dove ancora oggi non ci sono segreti. Forse è per questo che molte delle nostre clienti ci hanno seguito fedelmente per tanti anni. Fino a oggi e a questa bellissima festa. Grazie!".

    di Cecilia Barbieri

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...