giovedì 24 Settembre 2020
Altre aree

    “A Fontesanta si celebrano ogni anno i partigiani. Ma la strada per arrivarci è sempre pessima”

    Da Rignano e Bagno a Ripoli la denuncia dei consiglieri comunali Alberto Mariotti e Sonia Redini: "Serve che i due Comuni formino un Consorzio"

    BAGNO A RIPOLI – “Un’altra occasione di festa al Parco di Fontesanta, in cima a via di Gamberaia, strada bianca, purtroppo “orfana di due padri”, il Comune di Rignano e quello di Bagno a Ripoli”.

    La denuncia è di Alberto Mariotti, consigliere comunale di Laboratorio Politico-Rignano Sinistra Unita, e Sonia Redini, consigliere comunale Per Una Cittadinanza Attiva – Bagno a Ripoli.

    In pratica i due consiglieri comunali denunciano le condizioni del manto stradale. Quel manto che ogni anno viene percorso da chi sale al Parco di Fontesanta per celebrare la Resistenza e i partigiani.

    “Abbiamo cominciato nel 2017 – ricordano – nei rispettivi consigli comunali, a chiedere come si potesse mettere in sicurezza questa strada, per le auto che vi transitano, i mezzi di soccorso o per chi la percorre a piedi, come hanno fatto in tanti lo scorso fine settimana, nel tradizionale appuntamento per tenere viva la memoria dei partigiani e del valore dell’antifascismo”.

    “Non c’era altro modo – rimarcano – visto com’è ridotta la strada, dove le buche e i solchi profondi, scavati dalle acque piovane a causa della inservibilità delle canalette rompitratto, creano rischi di danno ai veicoli. Oltretutto, i cartelli che dovrebbero avvisare della pericolosità della strada sono vecchi e scoloriti e non sono ancora stati sostituiti, come promesso da novembre 2019”.

    “È da allora – aggiungono – che sentiamo parlare di un accordo fra i due Comuni con alcuni frontisti, per un intervento straordinario d’urgenza.  Ma, non se ne è fatto ancora nulla, anche perché non sono neppure chiare le percentuali di contributo, che si accollerebbero Bagno a Ripoli e Rignano. Invece, una sistemazione intanto servirebbe per mettere in sicurezza e agibilità la strada”.

    “Poi però – rilanciano – serve una soluzione strutturale: bisogna che le amministrazioni comunali promuovano d’ufficio la formazione di un Consorzio, come fatto a Bagno a Ripoli per via della Rimaggina, per esempio. È questo lo strumento giuridicamente appropriato, per risolvere, una volta per tutte, lo scarico di responsabilità sulla competenza e sulla ripartizione delle spese di manutenzione periodica”.

    “Sennò ci perdiamo nei rimpalli fra Comuni – evidenziano – proprietari dei terreni e i pochi residenti!  E, col passare del tempo, via di Gamberaia, come altre vicinali, è destinata a finire diruta…”.

    “Il titolo della festa appena conclusa – concludono – alludeva al fatto che, nonostante siano passati molti anni, Fontesanta ci ricorda i luoghi attraversati dai partigiani: facciamo in modo che si possano raggiungere in piena sicurezza per continuare a festeggiare l’eredità che abbiamo ricevuto”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino