spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 15 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Alla casa del popolo di Grassina una raccolta per aiutare le popolazioni dell’Emilia Romagna

    Il 28, 29 e 30 giugno si raccolgono generi di prima necessità: ecco cosa serve e come è possibile partecipare

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Una raccolta per aiutare le popolazioni colpite dall’alluvione dell’Emilia Romagna che si trovano ancora in difficoltà.

    A proporla a tutte le associazioni di volontariato di Grassina (e non solo) è Lorenzo Casebasse, consigliere della casa del popolo di Grassina.

    L’idea è nata grazie anche alla compaesana Viola Guerrini, che ha amici residenti in quelle zone che la aggiornano delle necessità a cui devono fare fronte quotidianamente.

    Nella regione la Croce Rossa Italiana,che sta gestendo l’assistenza alla popolazione, ha istituito due punti di raccolta a Forlì; e sono state fatte richieste specifiche soprattutto su prodotti per la pulizie.

    L’obiettivo ha saputo unire nell’organizzazione le associazioni di volontariato grassinesi, stimolando spirito di squadra e collaborazione.

    Mercoledì 28 e giovedì 29 giugno, con orario 17-20, venerdì 30 giugno oltre all’orario pomeridiano 17-20 anche la mattina dalle 9 alle 12, presso i locali della casa del popolo di Grassina sarà possibile raccogliere i seguenti materiali di prima necessità.

    Prodotti per l’igiene personale e della casa, per l’infanzia, elettrodomestici di piccole dimensioni e alimenti per animali.

    Tutto ciò sarà poi consegnato nei giorni successivi proprio da Lorenzo ai punti di raccolta istituiti a Forlì.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...