venerdì 23 Ottobre 2020
Altre aree

    Allagamenti Antella: “Primi interventi urgenti di Autostrade al via nei prossimi giorni”

    Ieri sopralluogo congiunto dei tecnici del Comune e di Aspi. Nei giorni scorsi l'ordinanza del sindaco per chiedere all'azienda lavori immediati per la regimazione delle acque di cantiere

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – Allagamenti all’Antella, si apriranno nei prossimi giorni i primi interventi chiesti con urgenza dal Comune di Bagno a Ripoli ad Autostrade per regimare le acque del cantiere della terza corsia dell’A1 nella frazione ripolese.

    Lo annuncia con una nota l’amministrazione comunale.

    “La richiesta – si fa sapere dal palazzo comunale – formalizzata attraverso un’ordinanza del sindaco, è stata emessa per motivi di pubblica incolumità dopo gli ingenti danni registrati nell’area di piazza Peruzzi e nelle vie limitrofe nella notte tra giovedì e venerdì”.

    “Ieri – si aggiunge – il sopralluogo congiunto in cantiere da parte dei tecnici comunali e di quelli di Aspi, che hanno definito le prime opere di immediata esecuzione necessarie per ridurre l’impatto idraulico delle aree di cantiere sulla frazione a valle dell’autostrada e l’iter per la loro realizzazione”.

    “Saranno innanzitutto collocati dei manufatti prefabbricati nella parte del cantiere a monte di Antella – prosegue la nota – in grado di limitare i deflussi in transito nel sottopasso idraulico sottostante all’autostrada”.

    “Una misura – si evidenzia – che consente di mitigare l’entità delle portate, rallentandone il deflusso e impedendogli di arrivare a valle in maniera concentrata in un ristretto arco temporale. Sarà inoltre predisposta una serie di briglie lungo i fossi di guardia per ulteriore contenimento dei deflussi e delle velocità verso valle. Si tratta di misure provvisorie che saranno completate entro i prossimi 45 giorni”.

    “Per un intervento risolutivo  – spiega il sindaco Francesco Casini – il Comune ha commissionato a Publiacqua di predisporre un progetto. Il progetto di fattibilità, già redatto, prevede la realizzazione di un’opera di laminazione, una sorta di cassa d’espansione, nella zona a monte di Antella, in grado di trattenere le acque al di là del sottovia idraulico che passa sotto l’autostrada”.

    “Lo studio – ricorda – da tempo è stato trasmesso ad Aspi che ha già dato la sua disponibilità a sostenerne la realizzazione dal punto di vista finanziario. L’importo di queste opere è di circa 350-400 mila euro, e sono compresi anche interventi di potenziamento dei collettori che attualmente convogliano con difficoltà le acque nel tratto terminale nel centro di Antella”.

    Ulteriori interventi saranno necessari sempre a monte del centro abitato dove si prevede, nel contesto delle aree oggi impegnate dall’attuale cantiere autostradale, una rinaturalizzazione e sistemazione definitiva con la realizzazione di uno o più bacini di laminazione per contribuire al contenimento del rischio idraulico a valle. 

    “Questi interventi che dovranno essere davvero risolutivi – aggiunge Casini – dovranno trovare presto concretezza, lo abbiamo ribadito in una lettera inviata ai vertici di Autostrade. Tuttavia possiamo intanto ritenerci abbastanza soddisfatti dell’incontro di ieri”.

    “La nostra ordinanza – conclude – consentirà che vengano messi in campo con urgenza i primi interventi da parte di Aspi, che sicuramente contribuiranno a evitare problemi analoghi a quelli dei giorni scorsi. Adesso ci aspettiamo massima rapidità nella loro esecuzione. Non c’è tempo da perdere”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...