spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sabato 18 gennaio appuntamento con il vicesindaco che punta alla candidatura

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Inizia a entrare nel vivo la corsa per le primarie all'interno del Partito democratico: corsa che alla fine dovrà indicare il candidato sindaco che andrà a confrontarsi con gli altri alle elezioni amministrative della prossima fine di maggio.

     

    Il Pd ha già due contendenti ai nastri di partenza: il vicesindaco Alessandro Calvelli e l'assessore Francesco Casini.

     

    Entrambi hanno ufficializzato pubblicamente le loro candidature, e adesso si stanno organizzando per consultazioni primarie che si svolgeranno fra alcune settimane.

     

    Ed è proprio il vicesindaco Calvelli a iniziare il percorso: sabato 18 gennaio, dalle 16 alle 20, apertura del suo comitato elettorale a Grassina, in via Chiantigiana, angolo via San Michele (ponte della Chiesa).

     

    Aperitivo e primo incontro pubblico, mentre per quanto riguarda il "virtuale" è già attivo il sito web www.alessandrocalvelli.it.

     

    "Le tue idee ci stanno a cuore": questo lo slogan scelto da Calvelli per la sua rincorsa. Che è già in piena… fase di lancio.

     

     

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...