spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 29 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    In vista del recapito nelle case il Comune fa chiarezza e fornisce alcune spiegazioni

    BAGNO A RIPOLI – Dal palazzo comunale di Bagno a Ripoli fanno sapere che "sono in arrivo i bollettini di pagamento della Tares, il Tributo comunale su rifiuti e servizi che dal 2013 sostituisce la vecchia Tarsu. All’inizio della prossima settimana saranno recapitati ai cittadini e alle attività economiche i bollettini per il pagamento dell’acconto con scadenza 30 luglio e 30 settembre".

     

    "Si ricorda – spiegano dal Comune – che la Tares è un tributo su cui non viene applicata l’Iva; sull’acconto è stato effettuato , mediante conguaglio, il rimborso Tarsu 2012; è prevista la possibilità di pagamento in un’unica soluzione sempre entro il 30 luglio".

     

    Per ogni informazione è possibile rivolgersi a Quadrifoglio attraverso i seguenti canali: Sportello Tares in Comune di Bagno a Ripoli aperto il martedi dalle 14.30 alle ore 18 (nel mese di agosto l’apertura sarà anticipata alla mattina dalle 8,30 alle 12; Sportello Tares di Firenze, via Bibbiena 35 aperto dal lunedi al venerdi con orario 8.30-14 e 14.30-17.30.

     

    C'è anche un Numero verde: 800.48.58.22, attivo dal lunedi al venerdi con orario 9-16; per le chiamate da cellulari o fuori distretto telefonico componendo il numero (a pagamento) 199.129.128.

     

    I moduli relativi a variazioni e cessazioni o nuove iscrizioni possono essere ritirati presso l’ufficio Urp del Comune, tutti gli uffici di Quadrifoglio presenti sul territorio o scaricati dal sito internet   che si consiglia di consultare per conoscere le modalità per usufruire di riduzioni, agevolazioni ed esenzioni.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...