spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Venerdì 6 gennaio alle 15.30 i Re Magi arrivano sul sagrato della chiesa di Grassina

    Rappresentazione organizzata da parrocchia, circolo Acli, CAT. A seguire all'Acli arriva... la Befana

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Venerdì 6 gennaio alle 15.30, la parrocchia di San Michele Arcangelo di Grassina, insieme al circolo Acli grassinese e al CAT, organizza sul sagrato della chiesa la rappresentazione dell'arrivo dei Re Magi.

     

    La ripresa dell'arrivo dei Magi a Grassina è stata fortemente richiesta da don James, nuovo parroco di Grassina, il quale ha chiesto il supporto del CAT, rimasto favorevolmente impressionato sia dalla Rievocazione a Pasqua sia dal presepe vivente di Natale.

     

    "In tutto questo il CAT – spiega il suo presidente Daniele Locardi – fedele in questo mandato all'intenzione di coinvolgere sempre le associazioni del territorio e gli ambienti ecclesiali quando possibile, si è trovato a condividere l'organizzazione con l'Acli già organizzatore dell'arrivo della Befana presso i suoi locali".

     

    L'arrivo dei Magi, con la scena che li vede dialogare con Erode che li ospita (si sono rivolti a lui per sapere dove possono trovare il Messia), è previsto alle 15.30 sul sagrato della parrocchia San Michele Arcangelo, dove la Sacra Famiglia, i bambini del catechismo e chi vorrà partecipare li attenderanno con una narrazione sui Magi letta ai microfoni all'aperto da due lettori catechisti.

     

    Al termine dei doni dei Re Magi, un canto accompagnerà i bambini all'interno del circolo Acli dove arriverà anche la Befana con il suo carico di dolcezze.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...