spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tenuta di Mondeggi: c’è l’avviso di asta pubblica della Città Metropolitana

    Il pubblico incanto avrà luogo l'1 marzo 2019 alle ore 10 nella sede della Metrocittà a Firenze

    BAGNO A RIPOLI – Avviso di asta pubblica per la vendita della tenuta di Mondeggi di proprietà della Città metropolitana di Firenze.

     

    L'1 marzo 2019 alle ore 10, presso la sede della Città Metropolitana a Firenze (Sala Oriana Fallaci, via dei Ginori 8), avrà luogo il pubblico incanto per la vendita a corpo e non a misura, in un unico lotto dei beni immobili, costituenti la cosiddetta "Tenuta di Villa Mondeggi", costituita da villa padronale, con ampio giardino arricchito da numerose fontane e da fabbricati pertinenziali, il tutto circondato da quasi 170 ettari di terreni suddivisi in cinque poderi agricoli con le relative case coloniche.

     

    "La Tenuta – si legge nell'annuncio – è ubicata nel Comune di Bagno a Ripoli nei pressi dell'abitato di Capannuccia, ad una quota di circa 200 metri sul livello del mare, facilmente raggiungibile sia dall'abitato di Bagno a Ripoli che dal vicino casello autostradale di Firenze Sud".

     

    "La strada comunale di Pulizzano – si legge ancora – che si congiunge alla S.P. 56 in prossimità della frazione Capannuccia, conduce alla Villa di Mondeggi e alle case coloniche dei vari poderi".
     

     

    "Ad oggi – conclude la Metrocittà – i terreni e i fabbricati di proprietà si estendono per oltre 170 ettari e sono distribuiti a monte della valle del torrente Ema in località Capannuccia nel comune di Bagno a Ripoli oltre ad alcuni terreni boscati posti nel comune di Figline e Incisa Valdarno".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...