spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bagno a Ripoli. Cultura e turismo, calendario 2023: via alle adesioni per manifestazioni e iniziative

    Aperto il bando rivolto alle associazioni del territorio interessate a far parte del programma ufficiale degli eventi e a ricevere un contributo per i loro progetti. Domande fino al 20 gennaio

    BAGNO A RIPOLI – Calendario work in progress per gli eventi e le manifestazioni culturali, turistiche e di promozione del territorio in programma nel 2023.

    Il Comune di Bagno a Ripoli ha appena aperto il bando rivolto ad associazioni, comitati e a tutti i soggetti impegnati nella produzione culturale, nell’organizzazione di eventi musicali o teatrali, nella conservazione di beni storici e nella promozione turistica del territorio, interessati a far parte del cartellone di eventi per il prossimo anno e alla concessione di un contributo per i progetti realizzati.

    Per farsi avanti c’è tempo fino al 20 gennaio.

    Le domande potranno essere inviate per Pec all’indirizzo comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it o consegnate entro mezzogiorno del 20 gennaio all’Ufficio Relazioni con il pubblico in palazzo comunale (piazza della Vittoria 1).

    Per info: silvia.bramati@comune.bagno-a-ripoli.fi.it.

    Manifestazione di interesse e modulistica sul sito www.comune.bagno-a-ripoli.fi.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...