spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bagno a Ripoli, manutenzione degli impianti semaforici sulla Sp 34

    Approvato all'unanimità schema di accordo tra Metrocittà e Comune su proposta di Francesco Casini, consigliere delegato alla Mobilità e sindaco ripolese

    BAGNO A RIPOLI – Novità importanti sul tema sicurezza stradale a Bagno a Ripoli e sulle strade metropolitane.

    Il consiglio della Città Metropolitana di Firenze, su proposta del consigliere delegato alla mobilità Francesco Casini (sindaco ripolese), ha infatti approvato lo schema di accordo tra la Metrocittà e il Comune di Bagno a Ripoli finalizzato all’adeguamento di impianti semaforici.

    Rispettivamente quello ubicato sulla Sp 34 di Rosano, all’altezza di via Granacci e quello presso la Rsa Villa Santa Monica, per un investimento complessivo di 50.000 euro.

    “Abbiamo a cuore il tema della sicurezza stradale e la Città Metropolitana di Firenze ha un ruolo fondamentale e opera costantemente su questo versante” commenta Casini.

    “Questo progetto specifico – ricorda – è atteso da tempo e potrà contribuire a migliorare la viabilità per i cittadini del Valdarno e della Valdisieve che ogni giorno transitano sulla Sp 34 via di Rosano, garantendo nel contempo più sicurezza ai cittadini residenti che abitano nelle frazioni che sorgono lungo questa arteria ad alto scorrimento”.

    “Questi impianti – conclude Casini – realizzati alcuni anni fa e gestiti direttamente dal Comune, con l’accordo che oggi viene formalizzato con la Metrocittà, sanciscono l’inizio di una gestione condivisa su tratti extra-urbani, fuori dai centri abitati delimitati, dando priorità a interventi connessi alla gestione e al miglioramento della viabilità e della mobilità pedonale”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...