spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Smog: da sabato 30 dicembre le nuove regole, compresi blocchi del traffico

    Il sindaco di Bagno a Ripoli ha firmato un'ordinanza per limitare il superamento dei limiti delle polveri sottili

    BAGNO A RIPOLI – Il dindaco di Bagno a Ripoli ha firmato un'ordinanza per limitare il superamento dei limiti delle polveri sottili (PM10) registrato nei giorni scorsi.

     

    E i provvedimenti anti-smog prenderanno il via proprio da oggi, 30 dicembre.

     

    Questi i provvedimenti adottati, sulla base delle linee-guida regionali e in accordo con gli altri Comune dell'Agglomerato di Firenze, per cinque giorni a partire a dal 30 dicembre. 

     

    Si parte dal divieto di utilizzo di biomassa in caminetti aperti o chiusi e in stufe tradizionali per riscaldamento la dove siano presenti sistemi alternativi di riscaldamento.

     

    Si passa poi alla limitazione ad ore otto del periodo giornaliero di funzionamento degli impianti di riscaldamento alimentati a gasolio o pellet e mantenimento a 18° C della temperatura ambiente dei locali adibiti a civile abitazione nonché 17° C dei locali per attività industriali, commerciali e artigianali.

     

    E' previsto poi il divieto di accesso e transito dalle ore 8.30 alle ore 12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 18.30 in tutto il centro abitato a motocicli a due tempi Euro 1, autovetture a benzina Euro 1, autovetture diesel Euro 2 e Euro 3, veicoli per trasporto merci diesel EURO 1 e EURO 2.

     

    E' poi esteso alla cittadinanza l'invito all’uso del trasporto pubblico locale e all'adozione di forme di mobilità sostenibile e/o condivisa.

    Il testo dell'ordinanza, dove sono indicate anche le varie deroghe, è pubblicato sul sito internet del Comune di Bagno a Ripoli.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...