spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ripartono i corsi di disegno dell’associazione Mazzon al Teatro comunale di Antella

    Lezioni al via il prossimo 4 marzo con il maestro Grazzini. Dieci lezioni di due ore e mezzo ciascuna

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – Impara l’arte e mettila da parte, diceva un vecchio adagio. Al Teatro Comunale di Antella sarà possibile metterlo in pratica grazie ai corsi di disegno dal vero organizzati dall’Associazione culturale Giuseppe Mazzon e curati dal Maestro Alberto Grazzini.

     

    I corsi, a cadenza settimanale, si snoderanno attraverso 10 lezioni da due ore e mezzo ciascuna per un totale di 25 ore. Il Corso A avrà luogo ogni mercoledì a partire dal 4 marzo e fino al 13 maggio 2020, dalle 17.00 alle 19.30. Il Corso B si terrà il giovedì nello stesso orario con partenza il 5 marzo e conclusione il 14 maggio.

     

    L’obiettivo del corso è l’apprendimento, senza limiti di età, pensato per chi si avvicina per la prima volta al mondo dell’arte e per chi ha voglia di migliorarsi nella propria tecnica di disegno. Un laboratorio pensato per divertirsi, socializzare, condividere le proprie risorse creative e approfondire le tecniche utilizzate nel disegno a mano libera. Appuntamento al Teatro Comunale in Via Montisoni, 10 ad Antella, sede dell’Associazione.

     

    L’iniziativa si svolgerà con il patrocinio del Comune di Bagno a Ripoli.

     

    Per informazioni e iscrizioni, contattare i numeri 338 1633602 / 328 2494455 o contattare l’Ufficio Cultura del Comune (055 643358). I partecipanti al corso dovranno possedere la tessera dell’Associazione culturale “Giuseppe Mazzon”.

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...