spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 20 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Irene Grandi, Ginevra Di Marco e madrigali all’Oratorio di Santa Caterina

    Concerti e conferenze accompagneranno fino a maggio l'esposizione dedicata alle musiciste "Con dolce forza"

    BAGNO A RIPOLI – Concerti, conferenze, talk. La voce di Irene Grandi e quella di Ginevra Di Marco. Performance che metteranno letteralmente in musica la mostra, con l'esecuzione dei componimenti delle protagoniste dell'esposizione, dai madrigali di Francesca Caccini all'“Historia musicata” della Tintoretta. E poi, un evento speciale, ancora top secret, in programma per il 29 marzo.

     

    È ricco il calendario di eventi collaterali che da marzo fino a maggio accompagnerà l'esposizione “Con dolce forza”. Donne nell'universo musicale del Cinque e Seicento, organizzata dalle Gallerie degli Uffizi insieme al Comune di Bagno a Ripoli e in programma all'Oratorio di Santa Caterina delle Ruote a Ponte a Ema da domani, giovedì 8 marzo, fino a domenica 13 maggio (via del Carota 31, aperta tutti i giorni tranne il lunedì).

     

    Le iniziative collaterali, come la mostra, saranno prevalentemente incentrate sul binomio donne e musica, con iniziative che metteranno in luce il talento femminile. Quello di artiste contemporanee come la Grandi, la Di Marco o Claudia Bombardella: la prima impegnata in una conversazione in programma all'Oratorio il 21 aprile con l'accompagnamento di Saverio Lanza alla chitarra; la seconda nel concerto “Donne in musica” ospitato al Teatro comunale dell'Antella il 14 aprile; la terza nella performance di world music “Le mille voci del Grung” che l'8 aprile si svolgerà all'Oratorio.

     

    E il talento delle donne musiciste del Cinque e Seicento, compositrici, cantanti e mecenati, che rivoluzionarono il modo di vivere e concepire la musica, fino ad allora esclusivo appannaggio dell'universo maschile in contesti che non fossero privati o familiari.

     

    Ecco così che il 22 aprile all'Oratorio l'ensemble Homme Armè si esibirà nel concerto “Chi desia di saper che cos’è Amore” con le arie e i madrigali della Caccini; mentre il 28 aprile, sempre all'Oratorio, l'Accademia Musicale di Firenze proporrà il concerto di musica antica “Tutto con la musica ella sapea creare”.

     

    Il 5 maggio, invece, camminata da piazza Umberto I a Grassina fino al Ninfeo del Giambologna presso la Fonte della Fata Morgana: qui ad accogliere i partecipanti ci sarà il duo d'archi di Alina Company al violino e Flaminia Zanelli alla viola, che in collaborazione con l'associazione “Amici Vicchio di Rimaggio” eseguiranno la “Historia musicata” di Maria Robusti detta la Tintoretta con il concerto “Oltre alla bellezza & alla grazia”.

     

    Spazio, infine, anche alle conferenze e agli incontri. Si partirà il 17 marzo all'Oratorio con la conferenza “Musica e universo femminile tra Cinque e Seicento” della dottoressa Antonella D'Ovidio, si prosegue il 25 marzo, sempre all'Oratorio, con l'incontro su “Il contributo femminile al progresso dell'aviazione” di Andrea Zani in collaborazione con l'associazione “A tutto volume”.

     

    Menzione a parte merita l'evento speciale in programma il 29 marzo all'Oratorio di Santa Caterina, che per il momento non può essere svelato al pubblico ma che aggiungerà ulteriore valore ad un'esposizione che di per sé è già di grandissimo pregio.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...