spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Consulta dei Giovani di Bagno a Ripoli, ultimi giorni per aderire: c’è tempo fino al 15 luglio

    L'organismo, composto da giovani tra 16 e 25 anni, si riunirà periodicamente e fornirà idee e proposte alla giunta comunale

    BAGNO A RIPOLI – Ultimi giorni per aderire alla Consulta  dei Giovani di Bagno a Ripoli, un organismo dell’assessorato alle politiche giovanili del Comune che si riunirà periodicamente fornendo spunti e proposte all’amministrazione.

    Per farsi avanti c’è tempo fino al 15 luglio. Possono candidarsi a diventare membri della Consulta le ragazze e i ragazzi tra i 16 ed i 25 anni residenti nel territorio comunale.

    Per farne parte, basta inviare una mail con la propria richiesta di adesione all’indirizzo consultagiovani@comune.bagno-a-ripoli.fi.it.

    Una volta costituitasi, la Consulta lavorerà per commissioni tematiche – dall’ambiente alla cultura, dai trasporti alla scuola e non solo – e si riunirà con cadenza mensile.

    I suoi rappresentanti potranno poi partecipare alle sedute della giunta comunale, portando all’attenzione del sindaco le idee maturate all’interno della Consulta.

    “La Consulta – hanno dichiarato il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini e l’assessore alle politiche giovanili Francesco Pignotti – sarà un organismo aperto e inclusivo, e avrà come obiettivo il coinvolgimento della fascia di popolazione più giovane nella vita dell’amministrazione comunale”.

    “Sarà un luogo – hanno concluso – dove le nuove generazioni potranno esprimersi liberamente, per fornire contributi e idee per il futuro della comunità”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...