spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 29 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tenuto dalla Croce Rossa mira a insegnare le manovre essenziali per salvare i bimbi

    Il Comitato Locale della Croce Rossa di Bagno a Ripoli, con il patrocinio del Comune, organizza un corso gratuito di "Disostruzione delle vie aeree in età pediatrica", che si svolgerà venerdì 22 marzo alle 20.45, al circolo Sms Bagno a Ripoli in via Roma 124, a Bagno a Ripoli.

     

    Si tratta di un incontro gratuito, aperto a tutta la cittadinanza, con dimostrazione pratica delle manovre di disostruzione eseguita da operatori di Croce Rossa formati a livello nazionale.

     

    In Italia il 27% delle morti accidentali pediatriche sono dovute ad ostruzione da corpo estraneo (dati Società di Pediatria Italiana 2007). L’obiettivo del corso è di intervenire e ridurre drasticamente il numero dei decessi dovuti ad episodi di disostruzione o dei suoi effetti invalidanti, facendo ricorso ad una formazione adeguata.

     

    Ad oggi non esiste un corso dedicato come questo specifico per insegnare le manovre di disostruzione alla popolazione (genitori, maestre d’asilo, insegnanti scuole elementari, baby sitter, assistenti sociali, addetti ai bambini portatori handicap).

     

    Al fine del perseguimento degli obiettivi proposti, il Comitato di Croce Rossa di Bagno a Ripoli propone un corso di manovre di disostruzione pediatrica sul lattante e sul bambino in conformità alle linee guida del PBLSD (Pediatric Basic Life Support Defibrillation), ai protocolli contenuti nelle “Linee Guida Internazionali ILCOR 2010” e a quelle adottate dalla Federazione Internazionale della Croce Rossa, oltre che da tutte le maggiori società scientifiche del settore del mondo.

     

    Il tema del corso è la formazione adeguata del personale che vive e lavora accanto ai bambini. Le scuole costituiscono il primo e principale bacino di intervento formando il personale degli asili, delle scuole materne ed elementari. Anche i genitori ed i nonni sono un obiettivo formativo indispensabile.

     

    “Il 27% delle morti accidentali in pediatria è dovuto ad ostruzione da corpo estraneo – hanno dichiarato il sindaco Luciano Bartolini e l'assessore alle politiche educative Rita Guidetti – il progetto della Cri di Bagno a Ripoli ha come scopo la formazione del personale scolastico e delle famiglie alla gestione delle situazioni di emergenza legate a tale fenomeno. È per questo che il nostro Comune ritiene importante l'iniziativa della Cri e la sostiene con forza".

     

    "Le scuole – proseguono – rappresentano infatti il luogo ideale perché percorsi educativi anche in termini di salute possano essere acquisiti e diffusi. Noi crediamo infatti che ogni momento dedicato alla prevenzione sia da valorizzare proprio per la capacità intrinseca di diffondere una corretta cultura sanitaria tra i soggetti potenzialmente coinvolti e creare attenzione e competenza".

     

    "Nel caso specifico – concludono – non possiamo che concordare con il motto adottato dalla Cri ripolese per questo progetto: "Chi salva un bambino salva il mondo!". Ringraziamo dunque la Croce Rossa che, dopo l'iniziativa sui defibrillatori, mette in atto un nuovo momento importante per la prevenzione e per la salute dei cittadini, in questo caso dei più piccoli".

     

    Informazioni e iscrizioni: centralino Cri, 055/632220, mail disostruzionepediatrica@cri-bagnoaripoli.it.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua