spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nuovo ecografo al Santa Maria Annunziata donato dai sei Rotary dell’area metropolitana

    Strumento portatile ("bedside"), permette l'esecuzione di un'ecografia direttamente al letto del paziente

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) – Mercoledì 10 aprile alle 12.30 si svolgerà la presentazione del nuovo ecografo portatile dell’ospedale Santa Maria Annunziata presso la sala conferenze dell’ospedale (Bagno a Ripoli-via Antella 58).

     

    Saranno presenti l’assessore regionale al diritto alla salute, rappresentanti istituzionali locali, il direttore generale della Ausl Toscana centro, il direttore del presidio ospedaliero Santa Maria Annunziata, il direttore dipartimento medico e specialistiche mediche della Ausl Toscana centro Giancarlo Landini, il direttore medicina interna dell’ospedale Santa Maria Annunziata Raffaele Laureano, il direttore dipartimento infermieristico ostetrico della Ausl Toscana centro Paolo Zoppi, il direttore dipartimento infermieristico dell’area firenze sud est Paolo Cellini, il prefetto Rotary Club Bagno a Ripoli e medico medicina interna ospedale Santa Maria Annunziata Cinzia Lusini.

     

    Partecipa il Presidente del Rotary Club Firenze Granducato Giovanni Ridi. Il nuovo ecografo è stato donato grazie ad una raccolta fondi dei sei Rotary Club dell’area metropolitana Firenze 2 con il contributo del Distretto 2071 in favore del progetto “ecografia Bedside” che prevede l’acquisto di strumenti leggeri, trasportabili a mano, che permettono l’esecuzione di un’ecografia direttamente al letto del paziente.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...