spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 3 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Due nuovi defibrillatori, in ricordo di Stefano Righi, installati nel comune di Bagno a Ripoli

    Donati dalla famiglia e dai parenti, dagli amici e dai colleghi, hanno trovato casa in Biblioteca comunale e allo sportello del sociale in via Fratelli Orsi

    BAGNO A RIPOLI – Sono dedicati alla memoria di Stefano Righi, cittadino ripolese nato e vissuto a Grassina, deceduto improvvisamente nel dicembre scorso a soli 64 anni, i due nuovi defibrillatori collocati a Bagno a Ripoli.

    Donati alla comunità dalla famiglia e dai parenti, dagli amici e dai colleghi che dopo la prematura scomparsa di Righi hanno attivato una grande macchina di solidarietà, i due apparecchi hanno trovato casa allo sportello del sociale in via Fratelli Orsi, nella frazione capoluogo, e in Biblioteca comunale a Ponte a Niccheri.

    Qui, ieri pomeriggio, l’inaugurazione del Dae è stata accompagnata da una cerimonia commemorativa.

    “Un ringraziamento di cuore alla famiglia Righi, in particolare a sua moglie Carola e al figlio Niccolò, ai parenti, a tutti gli amici e ai colleghi che hanno contribuito alla donazione nel nome di Stefano” ha detto il sindaco Francesco Casini.

    “Il defibrillatore – ha ricordato – è uno strumento prezioso di prevenzione e di cura della salute della nostra comunità. Anche grazie a donazioni come questa stiamo coprendo, un tassello alla volta, tutto il territorio comunale”.

    “Allo stesso tempo – ha aggiunto – continuiamo a promuovere corsi per imparare ad usare correttamente i defibrillatori, a partire dalle scuole. Colgo l’occasione per invitare tutti a partecipare. Può fare la differenza per la vita di una persona”. 

    “Stefano – hanno ricordato i familiari e gli amici di Righi – è scomparso senza aver avuto avvisaglie, ma le morti improvvise spesso possono essere evitate. Per questo sono importanti questi strumenti. La loro presenza e accessibilità è fondamentale, a maggior ragione in luoghi frequentati come la biblioteca”. 

    Un ringraziamento, a nome dei familiari, è stato rivolto a tutti coloro che hanno contribuito e in particolare a Roberto Vannini, amico di Stefano e della famiglia Righi, per l’impegno dedicato e le energie spese per la donazione dei defibrillatori.  

    L’impegno di sensibilizzazione promosso dai familiari ha recentemente portato all’installazione di altri due Dae a Varazze e uno ad Alessandria, luoghi cari alla famiglia Righi.

    Ed una prima raccolta fondi ha contribuito a sostenere l’Associazione “Un petalo per Margherita” onlus e l’Associazione italiana Sclerosi multipla (AISM).

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...