spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’assessore all’ambiente Casini: “Arpat li ha diffidati e intimato la messa a norma”

    BAGNO A RIPOLI – Il Comune di Bagno a Ripoli non ci sta a passare per quello che se ne "frega" delle proteste dei cittadini grassinesi, che in poco meno di due settimane hanno visto per due volte il torrente Grassina tingersi di nero.

     

    "Abbiamo messo in atto tutto quel che dovevamo e potevamo – dice l'assessore all'ambiente Francesco Casini – fin da subito la prima segnalazione del 18 novembre. La polizia municipale ha fato i rilievi, l'ufficio ambiente ha attivato l'Arpat".

     

    Che è risalita… alla fonte: "E' già intervenuta – prosegue l'assessore – nei confronti del responsabile, un frantoio nel comune di Impruneta che ha sversato liquidi della lavorazione delle olive. E li ha diffidati, durante il primo sopralluogo del 18 novembre, a procedere in questo modo e adeguarsi alle normative per la depurazione dei propri scarichi".

     

    Dopo l'ulteriore Grassina… in nero di ieri, "abbiamo ricontatto Arpat – sottolinea Casini – e segnalato la cosa anche al Comune di Impruneta, che ha la competenza territoriale sulla questione".

     

    "A questo punto – conclude Casini – accertato che il responsabile è un frantoio che opera su un altro comune, possiamo fare solo questo: segnalare e fare pressione perché la cosa sia risolta. Ovviamente non va per niente bene questa situazione, che deve risolversi il prima possibile".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...