spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Giornata nazionale vittime del Covid, anche a Bagno a Ripoli bandiere a mezz’asta in palazzo comunale

    Il Comune aderisce all'iniziativa della presidenza del consiglio dei ministri per ricordare chi ha perso la vita a causa del virus. Anche la biblioteca omaggia le vittime

    BAGNO A RIPOLI – Il 18 marzo 2020 decine di camion militari pieni di bare sfilano per le strade di Bergamo.

    In questa data, simbolo dell’Italia in lotta contro il virus, ricorre la Giornata nazionale delle vittime del Covid.

    Il Comune di Bagno a Ripoli aderisce all’iniziativa di cordoglio promossa dalla presidenza del consiglio dei ministri, che prevede l’esposizione delle bandiere a mezz’asta in palazzo comunale.

    Per l’occasione, anche la biblioteca comunale ha deciso di omaggiare coloro che hanno perso la vita a causa del virus.

    Nella giornata di sabato all’ingresso della struttura di via di Belmonte sarà presente una sezione con letture, saggi, libri e riviste dedicate al tema della pandemia.

    “Esattamente tre anni fa, settanta camion militari carichi di salme attraversarono le vie di Bergamo” dichiara il sindaco Francesco Casini.

    “L’Italia – ricorda – si rese conto per la prima volta lucidamente di stare vivendo qualcosa di terribile e inimmaginabile”.

    “Il Covid – conclude il primo cittadino – era entrato nelle nostre case sottraendoci affetti e persone care. Questa Giornata è dedicata a tutti coloro che non ci sono più e a chi ha dato la propria vita per prendersi cura di chi stava male”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...