spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nel mese di gennaio appuntamenti per riflettere con esperti del settore

    Internet, social network, blog, giochi elettronici: cosa fanno i nostri figli in rete? Il web nasconde solo insidie o costituisce una risorsa? Nei tre incontri di "Genitori, figli adolescenti e… il web", organizzati dal Centro di Documentazione Educativa (Cde) del Comune di Bagno a Ripoli, in collaborazione con Compartimento della Polizia Postale e Telecomunicazioni della Toscana Sezione di Firenze Progetto Trool (Tutti i Ragazzi Ora On Line) dell'Istituto degli Innocenti di Firenze, si rifletterà su come aiutare i ragazzi a navigare in maniera sicura e consapevole.

     

    Il ciclo di incontri, condotti dall'Ispettore Francesco Verduci, dal dottor Emanuele Dattoli e dal dottor Lotar Sanchez, è rivolto ai genitori di ragazzi residenti o frequentanti le scuole del Comune, dalla classe V della primaria al biennio della secondaria di secondo grado. L'iniziativa è aperta anche a insegnanti ed educatori.

     

    Calendario e sede: 10, 17 e 24 gennaio 2013, ore 21-23, Centro di Documentazione Educativa, via di Belmonte 38, Bagno a Ripoli. I partecipanti non potranno superare le 40 unità. Per un gruppo di max 14 genitori sarà possibile organizzare, successivamente, un laboratorio per conoscere ed utilizzare il blog aperto sul portale Trool da e per genitori al fine di fungere da luogo scambio e confronto

     

    Iscrizioni (dal 17 dicembre 2012) e informazioni: telefonare al Centro di Documentazione Educativa (www.cde-bagnoaripoli.it, 055645879, 055645881, cde@comune.bagno-a-ripoli.fi.it) il lunedì, mercoledì, venerdì, ore 8.30-13, il martedì e giovedì ore 8.30-13 e 14.30-18.
     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...