spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 13 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Parliamone a tavola”, si va in scena alla Casa del Popolo di Grassina

    Domenica si apre la stagione dedicata alle compagnie amatoriali con lo spettacolo dei Curandai

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Si inaugura domenica 11 novembre la stagione teatrale in programma alla Casa del popolo di Grassina (spettacoli ospitati alla sala sport) dedicata alle rappresentazioni di compagnie amatoriali.

     

    A salire per primi sul palco saranno gli attori della compagnia “I Curandai” con lo spettacolo in tre atti “Parliamone a tavola” di e con Osanda Miani alla regia.

     

    Gli appuntamenti proseguono il 18 novembre con l'associazione culturale “Teatreria” impegnata nello spettacolo in due atti “Purgatorio, inferno e paradiso” di Augusto Novelli con la regia di Andrea Nannelli.

     

    E il 25 novembre con “GliAttoriPerCaso” impegnati nello spettacolo in otto quadri “La supposta….eredità del cavalier Nencioni” di Stefania Mancini e Maurizio Faggi, con la regia di Gerardo Caso.

     

    La rassegna è organizzata in collaborazione con l'Associazione Teatro Amatoriale Regione Toscana e con il patrocinio del Comune di Bagno a Ripoli. 

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...