spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Coordinamento di Bagno a Ripoli: “Approvazione degli strumenti urbanistici, si sospenda per 2-3 mesi”

    Le associazioni: "Servirà per una attenta riflessione ed un confronto con la cittadinanza, associazioni e forze politiche che fino ad ora è stato insufficiente"

    BAGNO A RIPOLI – Una lettera aperta nei giorni scorsi. Un documento consegnato a consiglieri comunali e giunta in occasione dell’ultimo consiglio comunale.

    Il Coordinamento di Bagno a Ripoli (Circolo Legambiente Bagno a Ripoli, Italia Nostra, L’A.R.C.A., Firenzeintralice, Rete dei Comitati per la Difesa del Territorio, Il Pianeta, Comitato di Vicchio e Dintorni) torna ad ammonire tutti sullo sviluppo urbanistico del territorio ripolese.

    Rilancia le sue critiche e fa una proposta di “moratoria”.

    “Pensiamoci bene – questo il cuore del messaggio – è in gioco il nostro futuro”.

    “I nuovi piani urbanistici che stanno per essere approvati – viene detto – pur modificati a seguito delle osservazioni, continuano a prevedere: la lottizzazione di 7.000 metri quadri sull’ultima area agricola rimasta del Pian di Ripoli; l’enorme ampliamento (ben 9.500 metri quadri) della Scuola Americana in via del Carota, in un ambiente collinare delicato e in un tessuto di viabilità molto fragile”.

    Bagno a Ripoli: “Nuovi Piani urbanistici non al passo coi tempi. Contribuiscono ai cambiamenti climatici”

    “Altri interventi edificatori sparsi nelle varie frazioni (Antella, Osteria Nuova) – si prosegue – senza alcuna necessità; la possibilità di costruire piscine diffusamente, con conseguente impermeabilizzazione del suolo e consumo idrico, che stride con la crisi idrica generale”.

    “Viste le conseguenze irreversibili di queste previsioni – si rilancia – che con il consumo di suolo e di risorse idriche che comportano contribuiranno ai cambiamenti climatici e ne aggraveranno le conseguenze, una sospensione di due / tre mesi della approvazione dei nuovi strumenti urbanistici”.

    “Per una attenta riflessione – concludono – ed un confronto con la cittadinanza, associazioni e forze politiche che fino ad ora è stato insufficiente”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...