spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il pacifismo di padre Balducci, un incontro in biblioteca comunale a Bagno a Ripoli

    A cento anni dalla nascita di uno dei cardini del cattolicesimo italiano contemporaneo, scomparso nell'aprile di trenta anni fa, riflessione sabato 8 ottobre

    BAGNO A RIPOLI – “Se vuoi la pace prepara la pace”.

    Uno dei marchi di fabbrica di padre Ernesto Balducci che stravolse così il detto romano “si vis pacem, para bellum”: solo eliminando il concetto stesso di “nemico” si può percorrere la via della pace.

    A cento anni dalla nascita di uno dei cardini del cattolicesimo italiano contemporaneo, scomparso nell’aprile di trenta anni fa, il Comune e la biblioteca di Bagno a Ripoli ne ricordano l’impegno con un incontro in programma sabato 8 ottobre alle 17.30.

    Lo SpazioPiù della biblioteca di via di Belmonte sarà il luogo per ripercorrere le tappe del pensiero di padre Balducci, con particolare attenzione al suo “pacifismo istituzionale”.

    All’iniziativa (intitolata “L’uomo del futuro o sarà un uomo di pace o non sarà”) prenderanno parte Simone Siliani, direttore di Fondazione Finanza Etica, e Pietro Domenico Giovannoni dell’Istituto superiore di scienze religiose della Toscana.

    Ingresso libero. Per informazioni: 055645879 – 055645881, biblioteca@comune.bagno-a-ripoli.fi.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua