spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Marzo 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    In biblioteca a Bagno a Ripoli il flash mob (teatrale) degli studenti contro la violenza di genere

    Domani, mercoledì 15 marzo alle 17, la rappresentazione a cura degli alunni del laboratorio "Cantiere Artemide" dell'ISIS Gobetti-Volta

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) – Si intitola “Mai più” il flash mob contro la violenza di genere ideato dal laboratorio teatrale “Cantiere Artemide” dell’Istituto Gobetti-Volta di Bagno a Ripoli, in collaborazione con l’Associazione culturale di Promozione sociale Toscana e la Commissione Pace e diritti del Comune, in programma domani, mercoledì 15 marzo alle ore 17, in biblioteca comunale (via di Belmonte 38, Ponte a Niccheri).

    Gli studenti, diretti da Gianni Garonni, porteranno in scena le vicende delle eroine del teatro classico: Ecuba, madre disperata che assiste impotente alla distruzione del suo mondo; Antigone, testimone del conflitto tra legge scritta e legge morale; ed Elena, donna rivoluzionaria che segue le ragioni del cuore.

    Le maschere delle eroine parleranno direttamente al pubblico per sollecitare una riflessione su temi fondamentali come la lotta alla violenza contro le donne, il diritto alla libertà e il ripudio della guerra. La performance coinvolgerà 26 studenti provenienti da 18 classi diverse.

    L’iniziativa è stata promossa in occasione delle iniziative per la Giornata internazionale dei diritti delle donne.

    L’8 marzo scorso è già andata in scena presso quattro supermercati Coop del territorio.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...