spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Inaugurazione per sala emodinamica, elettrofisiologica, una di sub intensiva

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) – Inaugurato all’ospedale Santa Maria Annunziata il nuovo blocco operatorio con una sala di emodinamica (in foto), una di elettrofisiologia e un reparto di sub intensiva da 8 posti letto contiguo al reparto di rianimazione e terapia intensiva cardiologica con 12 posti letto esistente al 2° piano dell’immobile.

     

    Le sale sono dotate di tutta la strumentazione tecnologica necessaria ed in particolare di un sofisticato angiografo ad arco sospeso di ultima generazione.

     

    Complessivamente è stata restaurata un’area di 700 metri quadri di cui 558 destinati al nuovo reparto e gli altri che si sono resi necessari per l’adeguamento dell’ala alle norme antincendio e per la riqualificazione dei corridoi vicini al reparto di terapia intensiva.

     

    La parte operatoria comprende una sala di elettrofisiologia dove vengono effettuati impianti di pacemaker, defibrillatori, studi elettrofisiologici e ablazioni ed una sala di emodinamica con al centro un locale comandi e controllo ed entrambe dotate di sistema interfono per consentire la comunicazione tra gli operatori.

     

    Con la realizzazione della nuova sala di elettrofisiologia è stato possibile mantenere le dotazioni elettromedicali nella sala del piano terra che ospitava prima questa attività, la quale in futuro verrà riutilizzata come sala di chirurgia ambulatoriale

     

    I lavori di ristrutturazione sono costati 1.020.500 euro, con un costo al metro quadro di 1.450 euro comprese le sistemazioni esterne, ai quali si aggiungono i costi per le attrezzature sanitarie ed in particolare per il modernissimo angiografo che ammontano a poco più di un milione di euro, per un investimento complessivo di 2 milioni e 155 mila euro comprensivo della manutenzione per i prossimi due anni

     

    Per sistemare i locali sono stati indispensabili 6 km di cavi elettrici, 2 di cavi trasmissione dati, 1 km e 700 metri di tubazioni in rame per la distribuzione dei gas medicali ed altrettanti di tubazioni in acciaio per la distribuzione dei fluidi per il condizionamento, nonché 8 tonnellate di lamiera zincata per la distribuzione dell’aria trattata e 11 di acciaio per la realizzazione delle strutture portanti i pensili e i canali dell’aria trattata

     

    Dalla prima delibera con cui veniva indetta la gara d’appalto nel 2009, sono occorsi 3 anni e mezzo per terminare i lavori e le sale sono in funzione già da alcune settimane.

     

    Le nuove sale dell’Annunziata verranno utilizzate dalle équipe cardiologiche che operano nei tre ospedali dell’Azienda sanitaria di Firenze – Ponte a Niccheri, Torregalli e Santa Maria Nuova – secondo un modello che avvicina lo specialista al paziente e non viceversa.

     

    Nei tre ospedali dell’Asl 10 nel corso del 2012, nel campo dell’emodinamica, sono state eseguite 2.162 coronografie e angioplastiche di cui 634 all’Annunziata dove la ristrutturazione non ha comportato la chiusura del servizio, e, nel campo dell’elettrofisiologia, sono stati impiantati 784 pacemakers e defibrillatori ed eseguiti 134 studi elettrofisiologici e ablazioni, di cui, rispettivamente, 289 e 97 a Ponte a Niccheri.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...