spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il 12 ottobre serata all’Oratorio di Santa Caterina con il direttore della Galleria degli Uffizi

    BAGNO A RIPOLI – Un evento imperdibile che va ad arricchire l'intenso programma della mostra "Francesco Granacci e Giovanni Larciani all'Oratorio di Santa Caterina all'Antella", la prima in assoluto dedicata al Granacci: sabato 12 ottobre alle 17, all'Oratorio di Santa Caterina all'Antella, andrà in scena uno spettacolo inedito, un'intervista impossibile tra il pittore di Villamagna e Antonio Natali (a destra nella foto).

     

    Un inatteso debutto da attore, per il direttore della Galleria degli Uffizi – uno dei musei più importanti del mondo – che per la prima volta nella sua carriera calcherà le scene intervistando proprio Francesco Granacci, interpretato da Riccardo Massai (a sinistra nella foto), attore, regista e direttore artistico del Teatro Comunale di Antella, in un dialogo sul "Bello e le ragioni del dipingere", ospitato nel suggestivo Oratorio di Santa Caterina  a Rimezzano.

     

    Sarà uno dei momenti più alti del ricco calendario delle iniziative collaterali alla mostra, ed anche, data la cultura, la verve e la colta ironia dei due big a confronto, uno dei suoi pomeriggi artistici più divertenti e stimolanti.

     

    Considerato il numero limitato di posti è consigliata la prenotazione al numero 3204317644 o alla mail gabriele.danesi@comune.bagno-a-ripoli.fi.it.

     

    La mostra “Francesco Granacci e Giovanni Larciani all'Oratorio di Santa Caterina all'Antella” (La Città degli uffizi) è visitabile fino al 12 gennaio 2014 all'Oratorio di Santa Caterina delle Ruote, in via del Carota, a Bagno a Ripoli (clicca qui per approfondimenti).

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...