spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Morte Fabio Sequi, il presidente Giani: “Studieremo le iniziative più efficaci per ricordarlo”

    La promessa dopo la tragedia nel mare di San Vincenzo e l'atto eroico del 36enne grassinese: oggi alle 10 i funerali a Grassina

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Si terranno oggi, mercoledì 9 agosto, alle 10, i funerali di Fabio Sequi.

    Il 36enne di Grassina morto domenica 6 agosto dopo essersi tuffato fra le onde del mare molto mosso a Rimigliano (San Vincenzo).

    Un gesto di altruismo per aiutare due persone, probabilmente due ragazzi (ancora non si è capito chi fossero), che gli è costato la vita.

    Troppo grande, probabilmente, lo sforzo: a riva il cuore di Fabio si è fermato, e a nulla sono valsi i tentativi di salvarlo.

    L’ultimo saluto ci sarà, come detto, stamani: nella chiesa grassinese di San Michele Arcangelo.

    E’ invece il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, a fare una promessa in una vicenda che ha scosso profondamente la comunità grassinese, ripolese e non solo.

    “Studieremo le iniziative più efficaci per ricordarlo per sempre – dice Giani – sarà giusto intitolare una strada in sua memoria”.

    “Era il primo giorno di ferie per Fabio – prosegue Giani – Il suo è stato un gesto d’amore straordinario, si è rivelato un vero eroe”.

    “Un ragazzo che merita gratitudine e memoria di tutti noi – dice ancora – sono molto vicino alla sua famiglia affranta dal dolore”.

    “Ragazzi come Fabio – conclude il presidente della Regione Toscana – sono i veri eroi a cui dobbiamo ispirarci!”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...