spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Alia, richiesto il numero verde gratuito anche per la telefonia mobile

    Approvata (unanimità) la mozione presentata da Ciprianetti (Pd) per azzerare il costo del servizio

    BAGNO A RIPOLI – Un numero verde per le segnalazioni gratuito e a costo zero anche per chi chiama dal telefono cellulare.

     

    È quanto richiede ad Alia spa, la società partecipata che si occupa del servizio di raccolta dei rifiuti sul territorio ripolese, la mozione presentata dal consigliere del Partito democratico Edoardo Ciprianetti (in foto sopra) e approvata all'unanimità lunedì scorso durante l'ultima seduta del consiglio comunale.

     

    La richiesta nasce perché per il momento Alia prevede il numero verde soltanto per le chiamate dal telefono fisso.

     

    Il servizio clienti è gratuito infatti per chi contatta Alia dal telefono di casa allo 800888333, mentre è a pagamento (in base alle tariffe applicate dal proprio gestore) per chi chiama dal mobile attraverso il numero 199105105.

     

    La mozione impegna inoltre l'amministrazione comunale a chiedere ad Alia di introdurre una App per interagire più facilmente con i gestori del servizio.

     

    Obiettivo del testo, che ha incassato voto favorevole da parte di tutti i consiglieri comunali, è ottenere “un nuovo sevizio per renderlo sempre più efficace e comodo per i cittadini”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...