spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 21 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nell’ex presidio Asl di Grassina gli appartamenti per le persone disabili per il “Dopo di Noi”: via ai lavori

    Inizierà a febbraio la trasformazione della palazzina di via Dante Alighieri in alloggi per progetti di vita indipendente

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – La vecchia palazzina Asl di via Dante Alighieri, a Grassina, è pronta a trasformarsi in appartamenti per le persone disabili senza supporto familiare.

    Che lì potranno iniziare un nuovo percorso di vita autonoma e indipendente nell’ambito del “Durante e Dopo di noi”.

    I lavori di ristrutturazione e adeguamento dell’edificio partiranno a febbraio. In breve tempo, nell’ex distretto dell’azienda sanitaria nasceranno due alloggi in grado di ospitare fino a nove persone. 

    “Un progetto di civiltà e cura degli altri a cui teniamo tantissimo”, lo definisce il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini, che venerdì scorso ha effettuato un nuovo sopralluogo alla struttura in vista dell’imminente apertura dei cantieri.

    Insieme all’assessore ai lavori pubblici Francesco Pignotti, al dirigente al sociale Neri Magli, all’architetto Antonella Carratù dell’ufficio tecnico comunale, responsabile del progetto, e all’impresa che effettuerà i lavori, la  Fratelli Ferhati srl di Altopascio.

    Al loro fianco anche le associazioni di volontariato a cui verrà affidata la conduzione della struttura socio-sanitaria.

    “Finalmente il “Dopo di Noi” potrà avere una casa tutta sua – aggiunge il sindaco Casini – Una risposta concreta  e un servizio vitale per molte persone con disabilità grave, a cui viene garantito un futuro anche quando i genitori non ci sono più o non possono più occuparsi di loro perché troppo anziani, con case famiglia e vita autonoma in appartamenti e personale qualificato”.

    La gestione dei due nuovi appartamenti sarà affidata alla Fondazione Nuovi Giorni, onlus da molti anni in prima linea nei percorsi di autonomia abitativa per le persone con disabilità, in collaborazione con le associazioni del territorio come la Fratellanza Popolare di Grassina e Orizzonti.

    Gli alloggi avranno una superficie utile di 167 mq e 113 mq e ospiteranno rispettivamente fino a cinque e 4 persone. Ogni appartamento sarà dotato di doppi servizi igienici e avrà sia camere singole che doppie.

    Ogni stanza sarà pensata per accogliere al meglio persone portatrici di handicap e gli arredi saranno studiati su misura per le esigenze di persone con disabilità.

    Prevista anche una stanza per il personale di ausilio qualificato che assisterà costantemente gli utenti nello svolgimento delle proprie azioni quotidiane.

    Le opere di ristrutturazione sono finanziate nell’ambito dei PNNR con un investimento complessivo di 420mila euro.

    Sostenibilità è la parola d’ordine alla base del progetto: gli appartamenti saranno infatti realizzati riducendo al massimo l’impatto ambientale, assumendo come disciplina costante e certificata il riuso e il riciclo delle materie. Obiettivo è terminare i lavori entro fine estate. 

    La palazzina, di proprietà dell’Azienda Usl Toscana Centro, sarà utilizzata dal Comune con un contratto di comodato d’uso di 22 anni.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...