mercoledì 14 Aprile 2021
Altre aree

    Nominata la nuova Commissione per il paesaggio del Comune di Bagno a Ripoli

    I nuovi membri sono gli architetti Adriana Sgolastra, Antonella Valentini e Alessandro Foggi. La Commissione resterà in carica per cinque anni, fino al 2026

    BAGNO A RIPOLI – Nel corso della seduta del 25 febbraio, il consiglio comunale di Bagno a Ripoli ha nominato i nuovi membri della Commissione per il paesaggio per il periodo 2021-2026.

    La Commissione è l’organismo chiamato ad esprimere parere obbligatorio ai fini del rilascio dell’autorizzazione paesaggistica con riferimento alla tutela e alla valorizzazione che la legge pone attraverso specifica disciplina.

    La sua composizione e le sue funzioni sono disciplinate dalla normativa regionale.

    La nomina dei nuovi membri è stata preceduta dalla pubblicazione di un bando pubblico del Comune per l’individuazione di tre nuovi esperti in materia paesaggistica ed ambientale in possesso dei necessari requisiti di idoneità.

    La selezione dei candidati vincenti è stata operata da parte del dirigente dell’area Governo del territorio Antonino Gandolfo sulla base dei curricula pervenuti.

    I tre nuovi commissari proposti e votati dal consiglio comunale sono gli architetti Adriana Sgolastra, Antonella Valentini e Alessandro Foggi.

    I membri della commissione resteranno in carica per cinque anni, fino al 2026.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...