spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Non meno di 9 euro l’ora”: Cittadinanza Attiva propone il salario minimo comunale

    Per i lavoratori negli appalti pubblici, ma anche nei servizi esternalizzati, nidi comunali, servizio scuolabus e pre-post scuola, pulizia e guardiania, protezione civile, biblioteca...

    BAGNO A RIPOLI – “Una mozione per inserire, nei prossimi bandi di appalti comunali, una previsione in base alla quale i lavoratori impiegati dai soggetti aggiudicatari dovranno ricevere il trattamento previsto dai rispettivi contratti collettivi e, comunque, un salario minimo orario che non potrà essere inferiore a nove euro l’ora”.

    E’ quella presentata dal gruppo consiliare di opposizione, nel consiglio ripolese, Cittadinanza Attiva: se ne dovrebbe parlare nella seduta del prossimo 31 gennaio.

    “E’ un tema che è stato oggetto di dibattito parlamentare – dice la capogruppo Sonia Redini – ed è una questione politica rilevante, che riguarda il lavoro da retribuire in maniera dignitosa”.

    “Ci sono state molte iniziative per promuovere la proposta di legge delle opposizioni di Governo sul salario minimo – rimarca – ma ci sono stati anche diversi Comuni che hanno anticipato i tempi (come, ad esempio, quello di Livorno)”.

    “Il nostro gruppo – annuncia – vuol far propria questa linea e propone che una simile clausola venga inserita nelle procedure per gli appalti pubblici comunali”.

    “Anche il Comune di Bagno a Ripoli – ricorda – oltre agli appalti per i lavori pubblici, ha una serie di servizi esternalizzati, che vanno, per esempio, da quelli educativi dei nidi comunali, al servizio scuolabus e pre-post scuola, a quelli di pulizia e guardiania, alla protezione civile od alla biblioteca comunale, …”.

    “Nelle gare per affidarli – aggiunge Redini – ad oggi l’amministrazione è tenuta a rispettare, da Codice degli Appalti, i contratti collettivi, senza poter incidere sul costo della manodopera, anche là dove si possono trovare situazioni retributive con minimi tabellari ben al di sotto dei nove euro l’ora”.

    “Si tratta di una scelta verso il riconoscimento del valore del lavoro – puntualizza in conclusione – e il contrasto alla povertà lavorativa, che deve coinvolgere anche l’interesse e l’ambito comunale, primo luogo in cui gli impegni politici devono tradursi in realtà”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...