spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ospedale Santa Maria Annunziata: diretta in sala operatoria con 15 Paesi nel mondo

    L'intervento di chirurgia digestiva laparoscopica eseguito dall'equipe di Marco Scatizzi. "La nostra chirurgia al centro"

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) – Con una diretta live specialisti e chirurghi di 15 Paesi del mondo, oltre che dell’Italia, hanno assistito in streaming a un intervento di chirurgia digestiva eseguito questa mattina all’ospedale Santa Maria Annunziata dall’equipe di Marco Scatizzi, direttore della Chirurgia generale dell’ospedale.

    L’intervento in chirurgia laparoscopica eseguito sul colon, è stato seguito contemporaneamente da chirurghi di tutto il mondo (e anche italiani).

    Inoltre, un gruppo di cinque specializzandi, grazie a un sistema video integrato con la sala operatoria, ha seguito la diretta dalla sala convegni, al quinto piano dell’OSMA.

    L’obiettivo è diffondere le tecniche mininvasive in chirurgia digestiva e interagire con i migliori chirurghi italiani e internazionali, scambiandosi esperienze e dettagli tecnici innovativi.

    Inoltre gli specializzandi e i giovani chirurghi, traggono un grande vantaggio formativo dalla “live surgery”.

    Per il quinto anno consecutivo, la trasmissione dell’intervento chirurgico che si tiene nell’ambito del 33esimo Congresso internazionale di Chirurgia Digestiva, ha avuto come scenario le sale operatorie del Santa Maria Annunziata.

    “La diretta – ha commentato il dottor Scatizzi al temine dell’intervento – ha permesso in Italia e in altri 15 paesi nel mondo di apprezzare la nostra chirurgia. Durante l’intervento, abbiamo utilizzato anche il supporto di coloranti vitali che hanno dato la possibilità di visualizzare meglio la vascolarizzazione dei visceri”.

    L’equipe guidata dal direttore della Chirurgia generale, era costituita oltre che da Marco Scatizzi, dai chirurghi Matteo Paroli e Alessandro Falsetto.

    Da due anestesisti, Vittorio Pavonidirettore della struttura complessa di Anestesia e Rianimazione Firenze II e da Paola Elia. E da tre infermieri di sala operatoria, Francesco ValianiElisabetta Gianassi Marta Goti.

    Domande sono arrivate dalla Cina, dall’Australia, dall’Europa e da chirurghi di altri paesi nel mondo.

    Grazie a un “discussant” in Italia, le domande attraverso un commentatore con una postazione in sala operatoria all’Annunziata, venivano girate all’equipe impegnata nell’intervento.

    “I dettagli dell’operazione – conclude Scatizzi – sono stati discussi in un confronto diretto con chi operava e attraverso una visione in 4K. Questo significa diffondere conoscenza ed è fonte di aggiornamento professionale serio e qualificato”. 

    L’equipe con il dottor Marco Scatizzi

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua