spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    PaP Bagno a Ripoli: “Cinismo inumano nel togliere i medici dalle ambulanze del 118”

    "Dobbiamo constatare per l'ennesima volta che le politiche regionali in tema di sanità vanno nella direzione di smantellare quel poco di capillarità che restava"

    BAGNO A RIPOLI – “Emergenza sì… ma non troppo. Rimaniamo pesantemente sconcertati dalla notizia dell’ennesimo depauperamento al Servizio Sanitario a cui andrà incontro il nostro territorio”.

    Inizia così la riflessione di Potere al Popolo Bagno a Ripoli sulla riorganizzazione del servizio del 118 nel Chianti fiorentino (Greve in Chianti, Barberino Tavarnelle, San Casciano), con la progressiva sostituzione di medici a bordo delle ambulanze con infermieri. E la soppressione dei punti di primo soccorso.

    “Non ci interessano tanto le risibili smentite rispetto a questo taglio che oggi puntualmente si è concretizzato – proseguono – fornite dalla Regione in primavera (il riferimento è chiaramente allo scambio di lettere tra l’ex volontario della AVG di Greve e l’ASL Toscana Centro, reso noto dal Gazzettino del Chianti); la coerenza sappiamo che non sia qualcosa che si possa pretendere da chi ci governa e – nostro malgrado – ci siamo sostanzialmente assuefatti a ciò. Quello che ci preoccupa è il concreto, ossia questa batosta con cui dovranno fare i conti le persone”.

    “I dati demografici del nostro territorio – prosegue PaP – come dell’Italia intera del resto, parlano di una popolazione che invecchia, in cui i malati cronici, i fragili, le categorie a rischio; sono sempre più numerosi e per tutelare la salute di tutti, ma di queste persone in particolare, avremmo bisogno di una sanità pubblica che si rafforza, che riesce a essere più capillare sui territori”.

    “Invece – accusano – dobbiamo constatare per l’ennesima volta che le politiche regionali in tema di sanità vanno nella direzione opposta, in quella cioè di smantellare quel poco di capillarità che restava”.

    “È una parte che, colpevolmente, spesso si trascura – rilanciano – questa dell’area emergenza, ma proprio in questi contesti in cui la tempestività e l’incisività di un intervento possono determinare la sopravvivenza di qualcuno, appare di un cinismo inumano tagliare risorse qui e così”.

    “Chi scrive queste righe – le parole sono di Antonio Matteini, che nel 2019 fu candidato sindaco di PaP a Bagno a Ripoli – è proprio un volontario che fa servizio su una ambulanza che già è senza personale medico a bordo e purtroppo ha fin troppo ben presente l’impotenza fattuale con cui fanno i conti le persone soccorse e gli stessi volontari i quali – senza un medico che lo autorizzi o lo faccia – non possono somministrare neanche un bicchiere d’acqua ad un paziente”.

    “Al Popolo vorremmo dare il Potere – rilancia – ma innanzitutto la garanzia di poter ricevere una assistenza adeguata ed efficace quando si presenta la necessità”.

    “A volte – conclude – avere un medico su un’ambulanza che piomba su un incidente, una caduta, un malore, un arresto; può essere ciò che determina se la persona soccorsa sopravvive o perisce. Su certi argomenti non si può proprio sorvolare; su certi bisogni e necessità non si può mettersi a fare conti su cosa conviene e non conviene: non si può batter cassa sulla vita dei propri cittadini”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...