spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Parco di Ripoli: “Nella smania di pitturare di verde la sua immagine, il sindaco dice cose non vere”

    Sonia Redini (Cittadinanza Attiva): "Disponibili ad appoggiare il progetto ma solo a tre condizioni. Si ristabilisca la verità, il sindaco di scusi, si avvii un percorso di partecipazione"

    BAGNO A RIPOLI – “Nella smania di “pitturare di verde” la propria immagine, il sindaco ha diffuso pubblicamente cose non rispondenti al vero sul parco che sorgerà nell’area fra I Ponti e Sorgane”.

    Inizia così la riflessione di Sonia Redini, capogruppo in consiglio comunale di Per una Cittadinanza Attiva, su un tema (quello del futuro Parco di Ripoli) che le sta particolarmente a cuore.

    E che dopo l’uscita del sindaco, Francesco Casini, che ha diffuso i rendering progettuali, sta creando discussioni. Sia sulla realizzazione, sia sulla genesi, sia sulla partecipazione.

    # Il sindaco Francesco Casini svela il futuro: “Ecco come sarà il Parco di Ripoli”

    “La prima – riprende Redini citando quelle che secondo lei sono le non-verità di Casini – è che lì si potesse costruire. E su ciò ha imbastito una campagna stampa per accreditarsi come il “paladino del verde”! Peccato però che le previsioni di zona disponessero l’inedificabilità dell’area e che sia stato proprio lui e la sua amministrazione, nel 2019, ad aver avviato l’iter per una lottizzazione turistico-ricettiva, con un ostello e 100 bungalow”.

    “La seconda – prosegue – è che il parco pubblico sia stata una libera scelta politica del sindaco. Al contrario, il parco pubblico era la condizione affinché la Soprintendenza consentisse il centro sportivo della Fiorentina. Si tratta quindi di un atto dovuto e vincolato, di un “verde compensativo” (così è agli atti) per l’impegno di suolo determinato dal Viola Park”.

    Sonia Redini, capogruppo in consiglio comunale di Cittadinanza Attiva

    “Quindi – rimarca – al di là di quello che si vorrebbe far credere, il Comune non sta affatto facendo un verde pubblico in più, ma adempie ad un preciso obbligo: il saldo è sempre zero, perché gli ettari del parco servono in compensazione di quelli sottratti con l’intervento sul Pian di Ripoli”.

    “Avere un polmone verde a Bagno a Ripoli – aggiunge ancora Redini – è ciò che piace anche a noi, ma il fine non può mai giustificare il mezzo. La comunicazione istituzionale dev’essere corretta e veritiera e non piuttosto piegata ad arte per far intendere una cosa diversa dalla realtà. Qui è in gioco molto di più di un progetto o di un parco, è in gioco il rispetto dei cittadini e delle istituzioni, che viene prima di qualsiasi altra cosa”.

    “Avremmo davvero voluto votare a favore del parco – dice la consigliera di opposizione – se il sindaco si fosse assunto le proprie responsabilità politiche, ma non l’ha voluto fare. Da qui il “no”. Ma è un no al metodo, che è altrettanto importante del merito quando viene superato il confine dell’etica. Chi rappresenta una collettività ha un “dovere di verità”, prima e al di là di tutto!”.

    “Lo abbiamo detto chiaramente nel corso della votazione e lo ribadiamo apertamente anche adesso – precisa – il nostro gruppo è disponibile ad appoggiare il progetto, alla condizione che si ristabilisca la verità, il sindaco si scusi pubblicamente, dopo l’approvazione del progetto si avvii un percorso di partecipazione con i cittadini”.

    “Finché non si realizzeranno queste condizioni – conclude – tutte esclusivamente politiche, non intendiamo renderci compartecipi di una simile mistificazione istituzionalizzata. Questi sono i fatti, documentati e incontestabili”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua