spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Passerella Vallina-Compiobbi, sopralluogo dei sindaci Francesco Casini e Anna Ravoni

    I primi cittadini sui ritardi della ditta incaricata: "Ripartire con i lavori entro fine anno o presupposti per nuova gara"

    VALLINA (BAGNO A RIPOLI) – Un sopralluogo insieme ai cittadini sui cantieri della passerella Vallina-Compiobbi, interessati da importanti ritardi da parte della ditta incaricata dei lavori.

    È stato effettuato stamani, lunedì 4 dicembre, dal sindaco di Bagno a Ripoli e consigliere delegato alla mobilità della Metrocittà, Francesco Casini, dalla sindaca di Fiesole Anna Ravoni.

    Insieme ai tecnici della Città Metropolitana di Firenze, titolare dell’opera e stazione appaltante.

    Presenti il Rup Leonardo Ermini, il dirigente Riccardo Maurri e il direttore dei lavori, ingegner Di Girolamo.

    Presenti anche il titolare della ditta Lione Cosimo Damiano e una delegazione numerosa di cittadini, preoccupati per lo stallo del cantiere e le condizioni in cui versa attualmente la piazza sull’Arno, e i rappresentanti della Pro Loco di Compiobbi.

    “O i lavori ripartiranno entro fine anno, con gli ordinativi completati, oppure – hanno affermato i sindaci Casini e Ravoni – si concretizzeranno le condizioni affinché la Metrocittà  proceda con la risoluzione del contratto con la ditta”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...