spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Anche per quest’anno l’amministrazione concede il patrocinio all’associazione culturale

    BAGNO A RIPOLI –  Il Comune di Bagno a Ripoli ha concesso il proprio patrocinio all’Associazione Culturale ArPA (Arte-Psicologia-Atéliers), per le attività 2013/2014, in considerazione del loro significato culturale, pedagogico e terapeutico.

     

    “Il Centro ArPA, fondato nel 1989, è ormai una presenza conosciuta e apprezzata per Bagno a Ripoli – dicono i responsabili – Per molte persone è diventato un luogo di condivisione in cui è possibile rilassarsi, muoversi ed esprimersi liberamente per crescere insieme nella consapevolezza".

     

    "I nostri interventi – proseguono – sono rivolti soprattutto a persone che presentano delle difficoltà nella crescita interiore e nella gestione della vita di tutti i giorni. Particolare sostegno viene dato ai genitori e alla dinamica in famiglia, con progetti di sostegno e di crescita personale che consentono di affrontare le difficoltà dei figli con maggiore consapevolezza e competenza".

     

    Annunciano che "le proposte per il 2013/2014 comprenderanno un vasto programma nell'àmbito della crescita personale e della salute globale: laboratori di Yoga, Reiki, Feldenkrais, Meditazione e pratiche corporee-energetiche, percorsi di crescita per coppie, seminari sulle costellazioni familiari e un corso di formazione in Counseling olistico e tecniche energetiche, riconosciuto dalla Sicool (Società Italiana Counselor e Operatore Olistico)”.

     

    Il Centro ArPA inizierà la sua attività con una grande festa di apertura, che si terrà nella sede del Centro, mercoledì 11 settembre, con un ampio programma di musica e balli e danze in cerchio. Informazioni: 055/68.21.284, info@centroarpa.it, www.centroarpa.it.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...