spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Festa del patrono, una cena lungo via Roma per ricordare Vanna

    La festa del 29 giugno inizia con una passeggiata, la messa in piazza della Pace e un aperitivo alla Croce Rossa

    BAGNO A RIPOLI –  Una cena lungo via Roma per ricordare Vanna. Sarà la conclusione della giornata del patrono di Bagno a Ripoli, mercoledì 29 giugno. La festa dei SS. Pietro e Paolo inizia con una passeggiata da piazza della Pace fino alla Croce Rossa (alle 17,30), segue poi la messa nella piazza della Pace (ore 18). Alle 19,30 un aperitivo è offerto dalla Croce Rossa con una visita ai nuovi ambulatori inaugurati domenica 26 giugno.

     

    La cena è dedicata al ricordo di Vanna, del forno di Bagno a Ripoli, prematuramente scomparsa sei mesi fa. I tavoli vengono sistemati lungo via Roma e il cibo è tutto a chilometro zero, preparato da Siaf con apparecchiatura in Mater-B. I biglietti (a 6 euro) sono in vendita presso: Fornaio di Bagno a Ripoli, Croce Rossa, Sms e Gelateria Vitali (su prenotazione possibilità menu per celiaci).

     

    La festa patronale è organizzata in collaborazione con Asd Marina di Candeli, associazione culturale contrada Alfiere, associazione Grani Antichi Bagno a Ripoli, circolo Lo Stivale, commercianti di Bagno a Ripoli, Croce Rossa Italiana Bagno a Ripoli, Giostra della Stella, Gruppo Trekking Bagno a Ripoli, parrocchia di Santa Maria a Quarto, Sms di Bagno a Ripoli, Spi di Bagno a Ripoli, Viola Club N. 27 Niccolò Galli.

     

    Le tovaglie sono donate da Cartoleria Santedicola e decorate dai bambini dell'Istituto Comprensivo Teresa Mattei.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...