spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Podere Biliotto risponde a Legambiente: “Qua da noi solo un progetto agricolo e agrituristico”

    Vicchio di Rimaggio: "Le voci di campeggi pletorici in zona riguardano evidentemente progetti di altri. Le recinzioni? Per proteggere pascolo e attuali (e future) coltivazioni"

    BAGNO A RIPOLI – Arriva a strettissimo giro la replica da parte di Compturist, la società proprietaria di Podere Biliotto, a Vicchio di Rimaggio (Bagno a Ripoli), rispetto ai dubbi avanzati da Legambiente ripolese sul suo progetto agricolo e agrituristico.

    # Vicchio di Rimaggio: la recinzione di un terreno e le proteste delle associazioni locali

    “Come già spiegato a Legambiente – spiega in una nota ufficiale la società – nonché a tutte le persone che hanno chiesto informazioni, si conferma che non c’è assolutamente altro (e non si vede come potrebbe esserci) rispetto ad un progetto agricolo, cioè olivi, pecore e vigne, e ad un progetto agrituristico sul medesimo tema”.

    “Il progetto agrituristico – prosegue – prevede la ristrutturazione dei tre casali secondo una filosofia di sostenibilità per la quale l’ospite potrà respirare la storia, le tipicità ed i sapori tipici del Chianti, come hanno fatto i proprietari, la famiglia Lisi, che da quasi 60 anni vive a Bagno a Ripoli”.

    “Le voci di campeggi pletorici in zona – puntualizzano da Compturist – riguardano evidentemente progetti di altri. La filosofia del Podere Biliotto prevede solo pochi ospiti di elevata qualità”.

    “La recinzione – si legge ancora nella nota – serve solo a proteggere il pascolo, oltre che le attuali e future coltivazioni. Le pecore fanno parte integrante del progetto, in quanto indice di piena sostenibilità del territorio, poiché mantengono il tappeto erboso e lo concimano senza rovinare gli ulivi”.

    “La recinzione – scrivono ancora, rispondendo alle domande poste da Legambiente – è realizzata a regola d’arte e secondo le regole. Le recinzioni elettriche non offrono lo stesso grado di tutela nei confronti dei predatori presenti in zona, in particolare lupi e volpi”.

    “E’ ferma volontà della società – si evidenzia – di non limitare l’ingresso a nessuno. A tale scopo attualmente vi sono cancelli provvisori che possono essere aperti e richiusi e, in futuro, vi saranno accessi anche più comodi per chiunque voglia godere delle bellezze della natura, rispettandole. Non sono invece ammesse automobili e moto”.

    “Chiunque – concludono – può registrarsi sul sito www.poderebiliotto.it. Con la registrazione si legge il regolamento, che contiene solo regole di comportamento ispirate al buon senso. L’unico requisito richiesto è l’amicizia ed il rispetto per il territorio e per l’agricoltura”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua