spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Pranzo con… bomber a Le Tre Rane Ruffino: a tavola con Gabriel Omar Batistuta

    Il Re Leone alla Tenuta Poggio Casciano: dalla cucina di chef Stefano Frassineti, tartare di manzo e risotto allo zafferano di San Polo. Acqua di Venus e Modus Primo come vini

    POGGIO CASCIANO (BAGNO A RIPOLI) – Pranzo con… bomber quello di oggi, martedì 21 giugno, al ristorante Le Tre Rane Ruffino, nella Tenuta Poggio Casciano, a Bagno a Ripoli.

    Qui, sulle colline ripolesi che “guardano” il Chianti fiorentino, nella splendida tenuta di Ruffino, Gabriel Omar Batistuta si è seduto a tavola insieme allo staff Ruffino, insieme ad alcuni rappresentanti del Comune di Firenze. Ospiti anche Ermanno e Toni Scervino.

    Tutti coccolati dalla cucina dello chef de Le Tre Rane Ruffino, Stefano Frassineti.

    Per pranzo, tartare con la carne a km 0 della Valle del Sasso. E risotto alla San Polo (con zafferano sanpolese).

    Dalla cantina di Ruffino, la cuvée di Acqua di Venus e Modus Primo, il vino della Tenuta di Poggio Casciano.

    Batistuta si è peraltro mostrato grande appassionato di vini rossi. Che gli ricordano la sua “fazenda” in terra argentina.

    Per lui, il Re Leone, un’altra giornata fra le meraviglie di Firenze e dintorni. Qui dove ha lasciato il cuore e dove torna molto spesso.

    Per chi si è seduto a tavola insieme a lui la gioia di poter condividere da vicino alcuni momenti assieme a colui che è stato uno dei centravanti più forti della storia di questo fantastico gioco.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...