domenica 5 Luglio 2020
Altre aree

    Pubblicata la graduatoria degli ammessi al Contributo straordinario per l’affitto

    Sono 74 le domande ammesse nel Comune di Bagno a Ripoli. Liquidata la prima mensilità di aprile

    BAGNO A RIPOLI – È online sul sito del Comune di Bagno a Ripoli la graduatoria degli ammessi e dei non ammessi al Contributo straordinario per l’affitto previsto per far fronte alle conseguenze sociali dell’emergenza epidemiologica Covid-19.

    Le risorse economiche stanziate dal Comune serviranno ad aiutare i nuclei familiari e le persone più in difficoltà a causa della pandemia, sostenendoli nel pagamento dei propri canoni di locazione.

    Delle 188 domande presentate al Comune di Bagno a Ripoli, ne sono state ammesse 74.
    La graduatoria degli aventi diritto è consultabile qui.

    Ammessi ed esclusi (qui la lista) sono identificati con un codice, in modo da proteggere la privacy dei cittadini.

    Contestualmente, sono state liquidate le risorse necessarie a coprire la prima mensilità di aprile, pari a 22mila euro. Si procederà con successivo atto alla liquidazione dei contributi spettanti agli aventi diritto.

    Gli ammessi al contributo devono presentare il prossimo 3 luglio la conferma dei requisiti per i mesi di aprile e maggio 2020, con l’autocertificazione scaricabile a questo link, da inviare all’indirizzo e-mail [email protected] allegando documento di identità.

    Con oggetto della mail obbligatorio: INTEGRAZIONE CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEL CANONE DI LOCAZIONE IN RISPOSTA ALL’EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA COVID-19.

     
    Per ulteriori informazioni è possibile contattare il numero 0556390394 o scrivere all’indirizzo e-mail [email protected].

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...