spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il sindaco all’arrivederci ai ragazzi della GMG: “Li abbiamo accolti come figli”

     

     

    BAGNO A RIPOLI – C'era anche il sindaco di Bagno a Ripoli Luciano Bartolini all'incontro con il quale, nella giornata di oggi, sono stati salutati i ragazzi (e non solo) che da venerdì a domenica scorsi, hanno "colonizzato" le scuole ripolesi e il Giardino I Ponti per il raduno in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù che ha visto l'incredibile visita in Brasile di Papa Francesco.

     

    "Un ultimo saluto – sottolinea Bartolini – dopo tre intense giornate. L'assessore Silvia Tacconi aveva pranzato con loro, io sono passato verso le 14. Tante feste, tanto calore, tanti complimenti per il Comune di Bagno a Ripoli, la sua meravigliosa gente che, mi hanno detto, li ha accolti come loro figli e li ha coccolati" .

     

    "E grazie a tutti gli altri soggetti che hanno collaborato – sottolinea Bartolini, con il pensiero in primis alle associazioni di volontariato e dalle strutture comunali – Molti hanno detto che vorrebbero tornare perché il posto è bellissimo (grande giardino, grandi spazi nelle tre scuole adiacenti). Ultime considerazioni: parlare e confrontarsi con loro è piacevole. Sono maturi, profondi, gioiosi".
     

    "Hanno lasciato il giardino e gli altri luoghi più puliti di come li hanno trovati – tiene ad evidenziare il sindaco – Infine è piaciuta moltissimo, e l'hanno molto consumata, l'acqua al fontanello. Saranno in molti nei prossimi giorni ad andare dal proprio sindaco a chiedere una cosa così utile! Ciao ragazzi, vi vogliamo bene. E, spero…a presto".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...