giovedì 13 Agosto 2020
Altre aree

    Scomparsa di Giuseppe Carrai, il cordoglio del sindaco Casini e dell’amministrazione comunale

    Ex consigliere comunale e assessore per le politiche educative, aveva 88 anni: “Grave perdita, se ne va un punto di riferimento per la vita sociale e politica di tutto il territorio”

    BAGNO A RIPOLI – Il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini, a nome di tutta l’amministrazione comunale e della comunità ripolese, esprime profondo e sincero cordoglio per la scomparsa di Giuseppe Carrai.

    E’ stato uno dei protagonisti della vita sociale, politica e amministrativa del territorio ripolese dagli anni ’60 in poi. Carrai, nato a Bagno a Ripoli il 14 ottobre 1932, residente all’Antella e legatissimo alla frazione di Grassina, è scomparso ieri all’età di 87 anni.

    Consigliere comunale eletto nelle fila del Partito comunista italiano dal 1964 al 1970 e dal 1985 al 1990, è stato assessore dal 1970 al 1980 e assessore supplente dal 1980 al 1985.

    Tra le deleghe di cui si è occupato, la scuola e la pubblica istruzione: in questo ambito, Carrai è stato uno dei maggiori protagonisti della “rivoluzione” didattica promossa durante l’amministrazione del sindaco Bruno Cocchi dal gruppo di lavoro del direttore didattico Marcello Trentanove, contribuendo a rendere il Comune di Bagno a Ripoli un pioniere a livello nazionale e internazionale nel settore delle politiche educative.

    Per lunghi anni al lavoro presso Unicoop Firenze, anche dopo la fine dell’esperienza amministrativa, Carrai ha continuato ad essere parte attiva e un punto di riferimento della vita della comunità ripolese, ha ricoperto il ruolo di presidente della casa del popolo di Grassina e ha sostenuto le attività della sezione ripolese dell’Associazione Nazionale dei Partigiani Italiani.

    “Beppe, come tutti lo chiamavamo, ha avuto una lunga e importante storia di amministratore pubblico e di militanza politica nella sinistra” dice il sindaco.

    “Oltre a ricoprire il suo ruolo nelle istituzioni con grande serietà, umiltà e rigore – aggiunge – è stato una persona limpida e cristallina, dall’alta levatura morale, attivo e partecipe fino all’ultimo alla vita della comunità, sempre con una passione sincera e naturale per il confronto e il dialogo”.

    “Ho la fortuna di averlo conosciuto bene e di aver tratto da lui numerosi consigli – ricorda Casini – Interprete e precursore delle vicende politiche e sociali del nostro territorio, anche negli ultimi tempi non ha mai mancato di esprimere il suo contributo di idee e riflessioni sulle questioni più attuali”.

    “È stato un punto di riferimento fondamentale per almeno due generazioni di amministratori – sottolinea – che con i suoi richiami e i suoi spunti ha sempre accompagnato verso riflessioni costruttive. La sua scomparsa rappresenta una grave perdita per tutto il nostro territorio sia sotto il profilo umano che politico”.

    “Da parte mia e a nome di tutta l’amministrazione comunale esprimo le più sincere condoglianze ai figli e alla famiglia di Beppe – conclude – Il suo esempio morale e la sua vita resteranno una testimonianza indelebile del patrimonio culturale e sociale della sinistra fiorentina e toscana, delle istituzioni del nostro comune e dell’intera comunità di Bagno a Ripoli”.

    La salma sarà esposta per un ultimo saluto oggi e domani alle Cappelle del Commiato al Cimitero Monumentale di Antella.  

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino