spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 5 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tre ore ogni giorno passate sullo scuolabus e i genitori protestano

    "Per i bambini che da Antella vanno alla scuola dell'infanzia di Capannuccia il servizio non funziona"

    CAPANNUCCIA (BAGNO A RIPOLI) – Lo scuolabus da Antella a Capannuccia? E’ un disservizio. Un solo scuolabus, orari inadeguati e i bambini che arrivano tardi all’asilo. E’ la protesta di un gruppo di genitori della scuola per l’infanzia Catia Franci di Capannuccia.

     

    Al momento di iscrivere i propri figli all’asilo, i genitori residenti all’Antella possono scegliere  fra quattro materne: due a Grassina, una a Balatro, una a Capannuccia. Per chi, antellese, sceglie Grassina, il servizio scuolabus non è previsto mentre è garantito (sulla carta) per Balatro e Capannuccia. Fatto sta che chi sceglie Capannuccia non ha un servizio decente.

     

    L’entrata degli asili, per i bambini accompagnati dai genitori è dalle 8.00 alle 8.45, quelli che prendono lo scuolabus hanno una delega per entrare più tardi. Il pulmino che parte da Grassina arriva alle 9.20/9.30, quello dall’Antella alle 10.

     

    Considerato che le prime due ore sono dedicate al “tempo gioco libero”, ne viene che i bambini dell’Antella se lo perdono. Arrivano, infatti, quando è ora di merenda. L’uscita, invece, è dalle 15.30 alle 16.00, chi prende lo scuolabus esce da scuola alle 15.10 e arriva a casa alle 16.00/16.30. In una giornata di otto ore (dalle 8 alle 16) i bambini passano tre ore sul pulmino.

     

    “E’ inaccettabile – dicono i genitori – Non si possono tenere bambini di tre, quattro, cinque anni per tre ore su uno scuolabus. Per i rischi che, bene o male, si corrono sempre sulla strada e anche perché le attività scolastiche ne risentono in quanto per iniziare, le maestre devono aspettare che siano arrivati tutti”.

     

    L’apice è stato raggiunto quando, prima che iniziasse il servizio mensa e quindi il tempo pieno, i bambini stavano a scuola dalle 10 alle 11, un’ora sola perché poi dovevano rimontare sul pulmino per rifarsi circa un’ora e mezzo di viaggio per coprire i quattro chilometri scarsi che separano l’Antella dalla Capannuccia.

     

    I genitori chiedono che il servizio sia rivisto, sicuramente con un pulmino in più o perlomeno, intanto, provare in qualche maniera a recuperare quei venti minuti (dalle 16.05 alle 16.25) in cui lo stesso pulmino che copre il servizio per asili, elementari e medie sta fermo all’Antella in attesa di andare a riprendere i ragazzi delle elementari. Recuperando questi venti minuti i bambini potrebbero uscire dall’asilo alle 15.40 anziché alle 15.10.

     

    “Se non riescono a far arrivare il pulmino presto la mattina – concludono i genitori – tolgano l’opzione pulmino su Capannuccia al momento dell’iscrizione cosicché l’unico asilo che rimane su Antella con servizio scuolabus è quella di Balatro”.

     

     

     

     

     

    di Stefano Casprini

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...