spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Corsi, teatro, libri, degustazioni… . L’incredibile autunno del CRC dell’Antella

    Tutto il programma. Una fantastica ricchezza di proposte: ginnastica dolce, Zumba, Pupi di Stac, ...

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – Il Circolo Ricreativo Culturale Antella da il via alla stagione autunnale. Corsi, teatro, degustazioni, presentazione di libri. I prossimi mesi si annunciano ricchi di iniziative per tutti i gusti e per tutte le età.

     

    Dal 10 ottobre è attivo il “Corso di ginnastica dolce”, particolarmente indicato per le persone che soffrono di dolori muscolari e articolari e per chi desidera muoversi praticando un’attività dolce e rilassante senza sforzi eccessivi, a favore dell’elasticità e del benessere. Ogni lunedì e giovedì dalle 15 alle 16.

     

    Presentata lo scorso 23 settembre l’attività curata dall’associazione “Animae Voces”, un coro di voci bianche per bambini dai 7 ai 14 anni con la supervisione del maestro Edoardo Materassi e la collaborazione dei suoi operatori.

     

    “Corsi en piste” è invece un corso di circo per bambini e durerà fino al 2017.

     

    “La Zumba” c’è il martedì e il giovedì dalle 20 alle 21, il mercoledì dalle 19.30 alle 20.30, il sabato dalle 11.30 alle 12.30. Sempre con Erika Garcia Linares.

     

    Il 29 ottobre parte poi la ventottesima stagione dei Pupi di Stac, ogni sabato pomeriggio alle 17, da ottobre a marzo vanno in scena i burattini. Il 29 ottobre “La Bella Addormentata nel bosco”, il 5 novembre la Compagnia Officine Duende di Bologna presenta “Superchef”, il 19 novembre “Stenterello nell’isola dei pirati”, il 14 gennaio l’inedito “Stenterello al Circo”, il 28 gennaio la Compagnia CTA di Gorizia con “Il Pesciolino d’Oro”, l’11 febbraio “Raperonzolo”, il 25 febbraio “Festa di Carnevale” con artisti vari, l’11 marzo “Cappuccetto Rosso”.

     

    Il Teatro dell’Inutile, con Daniele Torrini, propone quest’anno corsi di teatro dedicati a grandi e piccini. Da “Giochiamo al teatro?” per bambini 5-7 e 8-10 anni a “Impariamo l’arte del teatro” per i ragazzi di 11-13 anni e di 14-17 anni fino al “Laboratorio teatrale per adulti”.

     

    Inoltre l’appuntamento è per sei giovedì da novembre a maggio con gli spettacoli teatrali: “Le quattro voci di Eva” (3 novembre), “La cucina sott’acqua” (17 novembre), “Love e Shadess” (16 febbraio), “Una donna sola” – cena più spettacolo (8 marzo), “Le sorelle Materassi” (13 aprile), “Confronti” 26 maggio).

     

    Si rinnova anche quest’anno il tradizionale appuntamento con le degustazioni. Il Terzo ciclo di degustazioni autunnali inizia il 25 ottobre (Bianchi e Rossi autoctoni Centro – Nord Italia: Friulano Vuj, Rosso di Montalcino, Cagiolo), prosegue l’8 novembre (Bianchi e Rossi autoctoni Sud Italia: Eruzione 1614, Val di Neto Magno Megonio, Gran Tiati) e il 22 novembre (Bianchi e Rossi autoctoni Centro Italia): l’Insolito Verdicchio, Marghe Langhe Nebbiolo, Antica Chiusina).

     

    Finisce il 6 dicembre con una verticale di Radici Taurasi “Il Barolo del Sud”). I vini in degustazione e la parte teorica saranno illustrati da sommelier professionisti. Durante le serate ad ogni vino saranno serviti in abbinamento, pietanze di vario genere: antipasti, primi e/o secondi piatti caldi.

     

    Novità di quest’anno il ciclo “Parliamone con gli autori”, si parte domenica 23 ottobre alle 21.15 con la presentazione del libro “Io sono Bobo” di Sergio Staino, Laura Montanari e Fabio Galati. Seguiranno altre date con altri autori locali.

     

    Per ogni informazione contattare la segretaria del circolo 055621207.

    di Stefano Casprini

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...