spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 21 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Sui sentieri della Libertà”, torna la passeggiata della Memoria a Pian d’Albero

    Martedì 7 maggio 13° edizione dell'iniziativa dedicata alla Resistenza e alla lotta di Liberazione, con la visita a casa Cavicchi insieme alle scuole del territorio

    BAGNO A RIPOLI – Martedì 7 maggio, torna la tredicesima edizione della passeggiata della memoria “Sui sentieri della Libertà”, in occasione del 79° anniversario della Liberazione.

    La camminata, che ogni anno conta sulla partecipazione di centinaia di studenti, raggiungerà casa Cavicchi in località Pian d’Albero, dove il 20 giugno del ’44 si consumò una delle stragi naziste più efferate per il territorio, con l’assassinio di 39 persone tra partigiani appartenenti alla Brigata Sinigaglia, e i membri della famiglia Cavicchi.

    La manifestazione, promossa dall’Istituto comprensivo Gobetti-Volta di Bagno a Ripoli e dalle sezioni dell’Anpi di Bagno a Ripoli, Firenze Gavinana, Rignano-Reggello e Ponte a Ema, si svolge con il patrocinio dei Comuni di Bagno a Ripoli e Rignano sull’Arno.

    La passeggiata della Memoria mira a sensibilizzare gli studenti sulla storia e l’importanza dei luoghi che furono teatro della vita partigiana e delle battaglie combattute per la Liberazione dei territori

    All’iniziativa, come di consueto, parteciperanno gli alunni del Gobetti-Volta e gli studenti dell’Istituto comprensivo “Teresa Mattei”, dell’Istituto comprensivo “Antonino Caponnetto” di Bagno a Ripoli e dell’Istituto comprensivo “Rignano Incisa Valdarno” di Rignano sull’Arno.

    Di seguito il programma integrale.


    • Ore 9.30: ritrovo al parcheggio di Poggio alla Croce e Santa Lucia e partenza per la passeggiata

    • Ore 11: arrivo a Pian d’Albero – Casolare Cavicchi

    – Saluti istituzionali delle scuole, dei Comuni e dell’Anpi

    – Letture di Filippo Catelani e Claudia Bugianelli del Teatro di Ponte a Ema

    – Intervento musicale di Alessandro Giobbi (il Menestrello) voce e chitarra

    – Testimonianze sulla Resistenza

    • Ore 12.15: ristoro per tutti a cura dell’organizzazione

    • Ore 13.15: partenza per il rientro

    • Ore 14:30: arrivo al parcheggio di Poggio alla Croce

    Si raccomanda di indossare scarpe da trekking, di portare mantellina antipioggia e/o ombrello, abbondante scorta d’acqua ed eventuale snack per affrontare la camminata.

    In caso di maltempo, l’iniziativa si svolgerà nel cinema Crc Antella.

    Collaborano all’iniziativa: le sezioni soci Unicoop di Bagno a Ripoli, Figline-Rignano sull’Arno e Gavinana che contribuiscono alla manifestazione fornendo un ristoro, il Gruppo Trekking di Bagno a Ripoli che fornisce guida ed assistenza durante il percorso a piedi.

    La VAB di Rignano sull’Arno, la Misericordia di Antella e Badia a Ripoli, la Fratellanza Popolare di Grassina, la Pubblica Assistenza di San Polo, il G.A.I.B., la Croce d’Oro di Ponte a Ema che forniscono i mezzi fuoristrada e assistenza per raggiungere Fontesanta per le persone che non possono affrontare il percorso a piedi, il Crc Antella, dove si svolgerà la manifestazione in caso di pioggia, il circolo Arci Cellai “Guglielmo Ghiandelli” per la preparazione del ristoro.

    La cittadinanza è invitata a partecipare.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...