spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tremila metri quadri per 40mila accessi all’anno: il 31 luglio si inaugura il pronto soccorso del S.M. Annunziata

    Finalmente all'ospedale di Ponte a Niccheri, a servizio di tutto il nostro territorio in particolare, ci sarà un DEA adeguato per garantire quantità e qualità nei trattamenti

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) – Tremila metri quadrati per rispondere ad oltre 40mila accessi l’anno, ambienti progettati secondo l’intensità delle cure, dotati delle più recenti tecnologie e con percorsi razionalizzati.

    E’ il nuovo pronto soccorso (DEA) dell’ospedale Santa Maria Annunziata di Ponte a Niccheri, che sarà inaugurato venerdì 31 luglio alle 14.30.

    Partecipano all’inaugurazione: il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi; l’assessore regionale al diritto alla salute Stefania Saccardi; il sindaco di Bagno a Ripoli, Francesco Casini; i sindaci della zona, il Prefetto e il Questore di Firenze.

    Saranno presenti per l’Azienda Sanitaria: Paolo Morello Marchese, Direttore generale Ausl Toscana centro; Emanuele Gori, Direttore sanitario Ausl Toscana centro; Andrea Bassetti, Direttore presidio ospedaliero Santa Maria Annunziata.

    Germana Ruggiano, Direttore Medicina d’Urgenza Santa Maria Annunziata; Simone Magazzini, Direttore Dipartimento Emergenza ed Area Critica; Gianfranco Giannasi, Direttore Area Medicina D’Urgenza.

    Paolo Zoppi, Direttore Dipartimento Infermieristico ed Ostetrico; Patrizia Grassi, Dirigente professioni sanitarie e responsabile Firenze Sud-Est Santa Maria Annunziata e Serristori; Luca Meucci, Direttore Area Manutenzione e Gestione Investimenti Area Firenze.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...