spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dall’ospedale fino alla Fratellanza Popolare, si estende quasi per tre km

    Nel pomeriggio di sabato 23 marzo, all'interno della Fiera dell'Est, è stato inaugurato l'ultimo tratto della pista pedociclabile Ponte a Niccheri-Grassina, dal parcheggio di San Michele a Tegolaia fino a via IV Agosto, per una lunghezza complessiva di circa 400 metri. Con la sua realizzazione il percorso totale della pista dall'ospedale di Ponte a Niccheri fino alla Fratellanza Popolare è di circa 2,8 km, per un costo complessivo di 350mila euro (ultimo tratto 130mila euro).

     

    Erano presenti all'inaugurazione il sindaco di Bagno a Ripoli Luciano Bartolini, l'assessore all'ambiente Francesco Casini e il presidente della Smsfc Casa del Popolo di Grassina Valeriano Rigacci.

     

    “Con questo secondo intervento completiamo del tutto il sistema di percorsi pedociclabili e di fruibilità delle sponde dell’Ema a Grassina – hanno detto Bartolini e – Manca solo la segnaletica orizzontale, che non è stato possibile realizzare per il maltempo e arriverà con il primo sole. La nostra scelta di spingere sulla mobilità dolce e di partire da Grassina è generata dalla densità di punti nevralgici e frequentati nell'arco di 3 chilometri: ospedale, biblioteca, caserma carabinieri, campo sportivo, due scuole, due circoli, la Chiesa e la Fratellanza Popolare".

     

    "L'opera, infatti – hanno proseguito – che consente di evitare in sicurezza e di far diminuire il traffico, è stata subito molto gradita dai cittadini. Un sistema da usare poi per fare sport o passeggiate pure in orario serale e, con l’ora legale, nel tardo pomeriggio. Un’opera avviata grazie alla disponibilità della casa del popolo e del circolo Acli di Grassina, che ci hanno concesso l’uso di aree di loro proprietà, e ancora una volta realizzata senza che esca un solo euro dalle casse comunali: le risorse arrivano da finanziamenti regionali e dalla compartecipazione del Consorzio di Bonifica Toscana Centrale con la sistemazione delle sponde dell'Ema. Si completa così il tratto di Grassina, primo tassello del nostro progetto di mobilità dolce, obiettivo centrale del Comune di Bagno a Ripoli”.

     

    “Considero la pista ciclabile un'opera importante – ha aggiunto Rigacci – dato il tipo di traffico di Grassina: grazie ad essa si possono raggiungere in maniera dolce e in sicurezza vari punti importanti dell'abitato. Penso innanzi tutto ai ragazzi che vanno alle due scuole, all'elementare Marconi e alla media Redi: infatti, la pista ogni mattina viene percorsa dal Pedibus, che da piazza Umberto I arriva alla Marconi, e dalle biciclette degli studenti della Redi".

     

    "La pista poi – ha concluso – collega ospedale, biblioteca e Fratellanza Popolare, a conferma di quanto sia importante lo snodo di collegamento della casa del popolo e quindi la nostra decisione di avere consentito il passaggio sui terreni del sodalizio. Avrei preferito che l'inaugurazione di sabato avesse coinvolto di più i ragazzi e la stessa Casa del Popolo, ma è stata comunque una bella festa: una volta che sarà stata completata la segnaletica, la pista sarà sempre più usata dalla popolazione di Grassina”.
     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua