spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Venerdì Santo a Grassina: in migliaia alla Rievocazione della Passione di Cristo

    Grande successo per la manifestazione storica giunta alla 41esima edizione. In apertura, collina del Calvario in viola per ricordare Joe Barone e una dedica a Paolo Casini

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – In migliaia ieri sera, venerdì 29 marzo, alla Rievocazione Storica di Grassina organizzata dal CAT Odv in collaborazione con il Comune d Bagno a Ripoli.

    Moltissimi gli spettatori alla Via Crucis lungo le strade del paese e platea piena per le scene recitate sulla collina di Bubè.

    Cinquecento i figuranti, donne e uomini di Grassina di tutte le età, che in abiti storici hanno messo in scena una “grande manifestazione di comunità, forte di una speciale sacralità civile”, come l’ha definita nei saluti di apertura il sindaco Francesco Casini, ringraziando associazione e volontari.  

    Al suo fianco Daniele Locardi, presidente del CAT, che ha voluto rendere omaggio al dg della Fiorentina Joe Barone, che avrebbe dovuto partecipare in qualità di ospite d’onore, colorando di viola la collina del Calvario, e al presidente del Grassina Calcio, Paolo Casini, appena scomparso e al cui ricordo la manifestazione è stata dedicata. 

    Tra le novità della 41esima edizione (39 considerando il biennio di pausa dovuto al Covid), la nuova suggestiva scena della flagellazione in piazza Umberto I, che ha seguito il processo di Ponzio Pilato, così come  l’omaggio all’artista Paolo Maiani, pittore evangelico di fama internazionale, con la rappresentazione durante il prologo della sua “Cena di Emmaus”, che campeggia nella chiesa di San Michele a Tegolaia a Grassina.

    A firmare la regia Alessio Antongiovanni e Susanna Forconi per il corteo, e Daniele Torrini e Antonio Bernini per le scene recitate sul Calvario.

    A rappresentare Gesù, tre attori diversi: Leonardo Della Bella durante il corteo, Riccardo Matteuzzi (segretario del CAT e veterano della  Rievocazione) nelle scene sul Calvario, Paolo Lepri nelle scene della Crocifissione. Ad interpretare Maria, Maruska Piccioli per il corteo e  Viola Quinti per le scene. 

    Oltre 120 i volontari e 15 i mezzi – in particolare di Vab e Fratellanza popolare di Grassina  – che hanno dato un contributo logistico per la manifestazione, coordinati da Andrea Quinti,  vicepresidente del CAT e in collaborazione con l’amministrazione comunale.  

    La  Rievocazione  Storica  di Grassina nasce alla fine della metà del XVII secolo come ringraziamento alla Vergine per la fine della peste.

    Viene tramandata successivamente come processione religiosa per poi essere interrotta durante le due guerre mondiali.

    Dopo aver ripreso vigore e sviluppo dagli anni ’50, viene interrotta nuovamente dal 1967 al 1982 per poi riprendere nel 1983 grazie all’entusiasmo e alla disponibilità di alcuni grassinesi  e al Centro Attività Turistica CAT Grassina ODV. 

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...