spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vertenza Pineider, tavolo di crisi riunito in seduta plenaria  

    Valerio Fabiani, consigliere per lavoro e crisi aziendali del presidente Eugenio Giani, ha affermato l’intenzione della Regione di accompagnare passo dopo passo la vicenda

    BAGNO A RIPOLI – Il licenziamento di 9 lavoratori dei reparti stampa incisoria e logistica di Pineider (stabilimento a Vallina, negozio in centro a Firenze), deciso dalla proprietà-Rovagnati, che ha rilevato l’azienda nel 2016,  è qualcosa che riguarda “occupazione, identità, storia e sviluppo di un intero territorio”.

    Lo hanno detto sindacati e istituzioni al tavolo dell’Unità di crisi riunito ieri mattina, per la prima volta in seduta plenaria, per discutere della vertenza che riguarda lo storico marchio fiorentino.

    Valerio Fabiani, consigliere per lavoro e crisi aziendali del presidente Eugenio Giani, ha affermato l’intenzione della Regione di accompagnare passo dopo passo la vicenda che ha richiamato al tavolo anche il comune di Bagno a Ripoli, quello di Firenze e la Città metropolitana.

    La prossima settimana sono previsti incontri tra le parti e anche con le strutture tecniche della Regione e di Arti che, ha ribadito Fabiani, “possono prestare assistenza tecnica per soluzioni e ammortizzatori sociali a salvaguardia dell’occupazione”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...